Web check-in obbligatorio con Ryanair

Da 24 aprile 2010TURISMO & VIAGGI

Quest’oggi sul blog di Turismo Uninform torniamo a parlare ancora una volta di Ryanair e delle sue controverse scelte strategiche. E’ di questi giorni, infatti, il comunicato ufficiale diramato dalla nota compagnia aerea low cost irlandese e relativo all’eliminazione, dal prossimo 2 ottobre, di tutti i propri banchi check-in da ogni aeroporto in cui il vettore è presente con uno o più voli.

Con questa decisione Ryanair si appresta di fatto ad eliminare il tradizionale check-in portuale e a rendere obbligatorio quello online.

Secondo quanto annunciato, il web check-in obbligatorio verrà introdotto gradualmente seguendo tre fasi distinte: dal 19 marzo al 30 aprile i passeggeri extracomunitari, quelli con bagaglio da stiva e le persone con abilita’ motorie ridotte saranno i primi a sperimentare il cambiamento; dal 1 maggio al 30 settembre la novità sarà poi estesa a tutte le nuove prenotazioni di voli Ryanair ed infine, dal 2 Ottobre appunto, i banchi check-in scompariranno del tutto con la sola permanenza dei bag drop.

Sebbene istintivamente si sia portati a pensare che all’operatività online corrisponda sempre un maggiore risparmio, nel caso di Ryanair questo concetto viene completamente ribaltato tanto che ogni cliente vedrà addebitarsi un costo pari a 6 euro per il proprio web check-in. Nel caso in cui poi un passeggero dimentichi di effettuare l’operazione, o sia semplicemente impossibilitato poiché non connesso ad alcuna rete Internet, verrà applicata invece una penale di 45 euro!

L’eliminazione del check-in tradizionale dovrebbe comportare, per la compagnia aerea low cost irlandese, un risparmio pari a 57 milioni di euro e tradursi, per i passeggeri, sia in maggiore efficienza di servizio, grazie all’eliminazione delle lunghe code in aeroporto, che in una reale diminuzione delle tariffe.

Sarà proprio cosi’?

Continua a seguire il blog di Turismo Uninform

Commenta