La rivincita del Turismo musicale!

Turismo musicale

Prima d’ogni altra considerazione è fondamentale una premessa: non esiste alcuna definizione di turismo musicale a livello universale e l’OMT (Organizzazione Mondiale del Turismo) non si è pronunciata in merito, né ha tracciato un profilo del turista musicale.

Usualmente, si tende a confonderlo con il turismo culturale che, invece, di definizioni ne ha diverse, prima tra tutte quella della OMT: “il turismo culturale rappresenta tutti quei movimenti di persone motivate da scopi culturali come le vacanze studio, la partecipazione a spettacoli dal vivo, festival, eventi culturali, le visite a siti archeologici e monumenti, i pellegrinaggima è necessario sottolineare come parte significativa del movimento turistico, classificato come “culturale” , è in realtà composto da persone attirate e motivate da eventi musicali e/o da luoghi legati alla musica.

Per questo fare una distinzione tra turismo musicale e turismo culturale è fondamentale, perché quando lo scopo del viaggio è la musica, che con la sua carica e con la sua energia trasporta moltissime persone in un determinato luogo, non si può confondere con altre categorie turistiche, ma anzi, necessita della sua considerazione.

UK Music, con gli studi Wish You Were Here, ha certificato che il turismo musicale, oltre a rappresentare una realtà specifica con una propria dignità, rappresenta anche una valido asset strategico per l’economia.

I primi passi già nel ‘700 …

Già nel XVII secolo l’Italia divenne la meta principale del Grand Tour dei principi d’Europa. L’aristocrazia si recava nel Belpaese per completare ed arricchire la propria formazione. Nel settecento, poi, arrivarono anche musicisti e amanti della musica, attratti dalla presenza di accademie e scuole.

Ad oggi, le mete più gettonate sono Graceland, a Memphis nel Tennessee, con la tenuta di Elvis Presley e Liverpool, negli UK, città natale dei Beatles, con un indotto di circa 106 milioni di euro stimati da The Telegraph.

Turismo musicale

L’offerta di spettacoli musicali in Italia

La penisola offre diverse alternative per quanto concerne l’ambito musicale, spaziando sia per i generi proposti che per quanto riguarda i luoghi in cui vengono ospitati i concerti. Da nord a sud ci si imbatte in un’ampia gamma di occasioni musicali che varia dai concerti legati agli artisti nazionali o internazionali fino ai grandi eventi come i festival dislocati nel Paese che, accoppiati con i magici luoghi offerti, rendono un’atmosfera unica che solo un Belpaese come il nostro potrebbe offrire.

Lascia una risposta