Turismo green: la nuova frontiera è il cicloturismo

Turismo green - cicloturismo - bicicletta

È in crescita il numero di turisti che nelle scelte di viaggio optano per soluzioni sostenibili, sia a livello di località e di struttura in cui soggiornare sia a livello di mobilità. Ecco che, allora, prende sempre più piede la scelta di muoversi con il mezzo green per eccellenza, la bicicletta.

In molte nazioni spostarsi in bici è abitudine di tutti. In Italia si fatica ad abbandonare l’automobile, ma si cominciano a sperimentare progetti che investono sulla mobilità sostenibile e promettono risultati incoraggianti, soprattutto per il settore turistico. Lo conferma Lignano Sabbiadoro, che ha scelto di investire proprio sugli itinerari cicloturistici, sviluppando nuovi percorsi ed estendendo la rete esistente. Con itinerari che attraversano riserve naturali e località tipiche e altri che si rivolgono ai ciclisti più allenati, sarà possibile arrivare addirittura fino a Venezia.

Di questa iniziativa e di molto altro si parlerà proprio in questa città, dal 4 al 6 maggio, durante l’evento “Lignano Sabbiadoro Goes Green. Prospettive di una città ciclabile”. Per l’occasione, verranno proposte idee e progetti concreti per promuovere l’utilizzo della bicicletta, puntando sui suoi numerosi vantaggi economici. La cosiddetta “bikenomics”, infatti, può rappresentare, i numeri lo confermano, un volano fondamentale per la crescita sostenibile del nostro Paese. Secondo un recente studio di Legambiente, infatti, gli spostamenti in bicicletta generano, in Italia, un fatturato superiore ai 6 miliardi di euro, inteso come somma della produzione di biciclette e di accessori, delle vacanze su due ruote e dell’insieme dei fattori positivi legati all’uso della bici al posto dei mezzi a motore (risparmio di carburante, minore spesa sanitaria e riduzione di emissioni nocive).

Il cicloturismo da solo incide per circa 2 miliardi di euro: una cifra importante ma ancora lontana da quelle che si registrano in Paesi come Germania e Francia. Una cifra, tuttavia, che può salire fino a 3,2 miliardi di Euro, secondo l’ipotesi avanzata da un’analisi di Confindustria-ANCMA e The European House Ambrosetti sul valore delle due ruote.

Per ora basta riflettere su alcuni semplici passaggi evidenziati da Paolo Pinzuti, CEO Bikenomist – Bikeitalia.it e fra gli organizzatori del convegno “Lignano Sabbiadoro Goes Green”: modificare le abitudini di mobilità di cittadini e viaggiatori nel nostro Paese comporterebbe una modifica dei loro bisogni. A soddisfarli saranno necessariamente le attività imprenditoriali, le quali dovranno riorganizzarsi al loro interno per rispondere alle nuove richieste. Questo si tradurrà in nuovi posti di lavoro da una parte e inevitabili e positive ricadute sul commercio, la sanità e il risparmio privato dall’altra.

Lascia una risposta