Turismo enogastronomico: come fotografare il cibo

Foto, cibo, turismo enogastronomico

Chi è che non ha postato, almeno una volta, sui social, la foto di un piatto assaggiato o di un cibo tipico di un luogo visitato? La mania di postare foto di cibo è ormai molto diffusa e il turismo enogastronomico ne giova. Ma come scattare delle foto perfette?

C’è chi ne ha fatto una professione, diventando food photographer per agenzie turistiche, di marketing o per valorizzare e promuovere un territorio. Ma anche le foto scattate a livello amatoriale, diffondendosi poi sul web, possono avere un ruolo fondamentale in questo senso.

Ecco perché oggi vi diamo qualche piccolo suggerimento per fotografare al meglio il cibo. Con una foto scattata nel modo giusto potreste invogliare qualcuno a recarsi nel posto in cui avete avuto voi il piacere di assaporare quella pietanza. Senza rendervene conto, darete quindi una mano al turismo enogastronomico, di primaria importanza soprattutto nel nostro Paese.

Partiamo dal setting, indispensabile per presentare al meglio il piatto o l’alimento, perché certamente racconterà qualcosa in più su questo. Un elemento da non sottovalutare è la luce, meglio se naturale: dà un effetto di genuinità al prodotto. Se troppo intensa, basterà utilizzare un grande foglio di carta bianca. In questo modo, riuscirete a diffondere una luce chiara che illuminerà il soggetto da immortalare.

Ma il vero protagonista di una bella foto è, appunto, il soggetto. In un visual storytelling di tipo enogastronomico, l’immagine del cibo sarà una forma di viaggio nella terra e nei luoghi in cui questo si trova o si produce. In questo modo anche i ristoranti, le enoteche, le persone, diventano soggetti della narrazione al pari del prodotto stesso. E includendo nel vostro storytelling questi soggetti, rispetterete un’altra delle regole per una foto efficace: suggerire è meglio che dire. Le emozioni legate ai prodotti enogastronomici avranno quindi una maggiore profondità e autenticità, perchè ancorate all’identità territoriale di cui il vostro soggetto è espressione.

Infine, per una giusta promozione del turismo enogastronomico attraverso le immagini, il consiglio è quello di guardare gli scatti dei professionisti. Ce ne sono molti, italiani e internazionali. Tra gli italiani vi segnaliamo il nome di Isabella Cassini.

Commenta