Soggiorno personalizzato: la comunicazione prima di tutto

Soggiorno personalizzato: comunicazione

Il rischio di rendere ogni soggiorno uguale all’altro è dietro l’angolo. Si scopre un tipo di servizio apprezzato e tutti gli hotel si riorganizzano in base a quello. Sbagliato! L’hotel che vuole conquistare e fidelizzare i clienti, dovrebbe cercare di stare alla larga dalla standardizzazione e fornire, piuttosto, un servizio cucito sempre ad hoc sulle preferenze e abitudini del singolo ospite.

La personalizzazione del soggiorno diventa allora la nuova frontiera dell’accoglienza. Ma come si realizza? Il primo segreto sta nella comunicazione.

Un modo utile e del tutto attuale per comunicare efficacemente con il proprio cliente e farlo subito sentire accolto, è indirizzare a lui delle email personalizzate, che non si presentino come il solito messaggio di benvenuto o la solita pubblicità, ma strutturate in modo da risultargli immediatamente interessanti e utili. Prima del soggiorno, si possono quindi inviare, nella lingua dell’ospite, informazioni sul territorio, orari e consigli pratici. Ad esempio, cosa indossare a seconda del meteo (quanti vorrebbero ricevere questa informazione prima di recarsi in una località?), come raggiungere il centro città, dove parcheggiare. Anche una email inviata durante il soggiorno può essere apprezzata. Una volta conosciuto l’ospite e raccolto le informazioni necessarie, si possono inviare contenuti ad hoc. I clienti sono una coppia di giovani sposi? Niente di meglio che inviargli consigli sui ristoranti più romantici del posto.

Sempre sfruttando il mezzo delle email, poi, si può inviare un questionario prima dell’arrivo in struttura. In questo modo, l’ospite si sente rassicurato, perché sa che, avendo già avuto modo di farsi in qualche modo conoscere dallo staff, una volta arrivato in hotel, troverà tutto ciò di cui avrà bisogno. Alcune strutture chiedono semplicemente il motivo della visita, altre invece vogliono conoscere il cuscino preferito, la fragranza della stanza e la temperatura più gradita.

I telefoni sui comodini delle camere di hotel. Un po’ obsoleti, no? Nell’era dell’instant messaging, sicuramente mandare un messaggio è meno impegnativo che telefonare al front desk. Quindi, per l’hotel, mantenere un canale aperto su strumenti come Whatsapp o Facebook Messenger è fondamentale. Per farlo però, ci deve essere un componente dello staff sempre pronto a monitorare le chat e a rispondere immediatamente.

Ma sono tanti i modi per personalizzare al meglio un soggiorno. La prossima volta te ne sveleremo altri. Continua a seguire il nostro blog!

Commenta