Roma e Booking.com ti ospitano per una “notte da Imperatore”

Castel Sant'Angelo, Roma

“Una notte da Imperatore”: si chiama così il contest lanciato in questi giorni da Booking.com, che regalerà a un fortunato vincitore l’esperienza unica di vivere due giorni a Roma, come un vero e proprio imperatore.

La location scelta per questa bella iniziativa è uno dei luoghi più suggestivi della Città Eterna, Castel Sant’Angelo, lo storico Mausoleo di Adriano costruito dall’Imperatore nel II secolo d. C.

Il vincitore avrà l’opportunità di portare con sé un accompagnatore, con cui vivere queste due speciali giornate. L’arrivo a Roma dei due ospiti è previsto per il prossimo 26 novembre. Giunti a destinazione, sarà riservata loro una visita guidata con un famoso storico dell’arte, che li accompagnerà alla scoperta degli angoli più remoti e affascinanti del castello, come le prigioni storiche, gli appartamenti papali e il mausoleo dell’Imperatore.

Al termine del tour, li aspetterà una cena a tema, ideata per l’occasione dalla nota chef stellata Cristina Bowerman e servita in uno dei punti più panoramici del castello.

La mattina seguente, l’inizio della giornata non potrà che essere speciale: verrà allestita, esclusivamente per i due fortunati vincitori, una deliziosa colazione nel “Giretto Coperto”, l’antico camminamento di ronda che gode di una vista mozzafiato su Roma.

Ma come si fa a vincere questo speciale soggiorno? È semplice! Collegati alla pagina web dedicata al contest, www.booking.com/articles/unanottedaimperatore.it, e componi un testo di non più di 150 parole, in cui spieghi cosa può significare per te una “Notte da Imperatore” a Castel Sant’Angelo. Hai tempo fino alle 23:59 del 19 novembre 2017 per inviare la tua candidatura e provare a vincere questo che si presenta come un indimenticabile soggiorno in uno dei tesori più preziosi del nostro patrimonio storico-artistico. Un’iniziativa unica nel suo genere, sia per chi conosce Roma e vuole viverla da un’altra prospettiva sia per chi la visita per la prima volta e non potrebbe farlo in un modo più originale.

Lascia una risposta