Apre a Napoli il primo “Book and Bed” italiano. Di cosa si tratta?

Apre a Napoli il primo Book and Bed italiano

Appassionati di libri e librerie, è stato inaugurato anche in Italia l’hotel dei vostri sogni. Il primo “Book and Bed” made in Italy si trova a Napoli e, come suggerisce il nome, consente agli ospiti di riposare su un letto immerso tra scaffali di libri.

Conosciamo meglio il primo Book and Bed italiano.

È stato aperto al pubblico lo scorso 25 maggio. Si trova nella bellissima città di Napoli, nella nota zona collinare del Vomero, all’interno del palazzo di Mooks in via Luca Giordano, precisamente al piano superiore della libreria Mondadori.

L’idea della libreria che si trasforma in stanza d’hotel nasce a Tokyo, nel 2016, per poi essere replicata nell’ostello-libreria di Kyoto.

Nel capoluogo partenopeo possiamo aspettarci lo stesso successo avuto in queste località? «Noi speriamo di sì – spiega Antonio Serpe, CEO di Mooks ovviamente reinterpretando e innovando per questo territorio: abbiamo infatti eseguito studi di fattibilità, chiedendo a 1500 lettori di questo quartiere, il Vomero, cosa avrebbero voluto stravolgere o mantenere del format giapponese».

Il risultato finale di questi studi è un Book and Bed ma con l’aggiunta di “Suite” al nome, che denota una caratterizzazione più lussuosa e ricercata rispetto ai suoi predecessori. Sono due le stanze in cui vivere la piacevole esperienza del “leggi e dormi”, la “Calvino” e la “Freud”, ognuna di 45 metri quadri, arredata con mobili originali realizzati dai maestri artigiani Coppola. In entrambe l’ospite-lettore sarà circondato da oltre quattromila libri, di ogni genere, dai capolavori del 1700, provenienti da collezioni private, fino a volumi contemporanei.

«Ci siamo divertiti a non seguire né un ordine cronologico e né uno tematico per l’esposizione dei volumi – prosegue Serpe – e abbiamo voluto che i nostri avventori si divertissero nella scoperta dei testi».

Nelle suite del Book and Bed napoletano verranno esposte anche opere d’arte e gallerie fotografiche di artisti sia conosciuti che emergenti.

Ed è solo l’inizio di questo bel progetto. Entro la fine del 2020, infatti, a Napoli verrà aperto un secondo hotel-biblioteca, a via Roma e intanto, altri centri italiani accolgono la sfida: nuove aperture sono previste anche a Roma e Milano.

Lascia una risposta