2018: boom degli Italiani in viaggio

Il 2018 anno boom degli italiani in viaggio

Secondo il quadro dell’ Istat, gli italiani sono dei viaggiatori appassionati. Amano sia esplorare ogni angolino dell’amata penisola, che perdersi nel fascino del diverso, visitando luoghi stranieri ed entrando in contatto con nuove culture e usanze.

Tutt’oggi infatti, la maggior parte degli abitanti del Belpaese mostra una spiccata curiosità nei confronti “dell’altro”. Questa attitudine non ci stupisce affatto, anzi ci appare piuttosto chiara se ci fermiamo un secondo a riflettere da che cosa deriva.

L’Italia (che per la sua posizione geopolitica è sempre stata un crocevia nel Mediterraneo) è infatti, per sua stessa costituzione, una terra d’incontro e di scambio commerciale e culturale. Da qui nasce l’atteggiamento di apertura, da parte dei suoi abitanti, nei confronti degli altri popoli.

Quindi, come abbiamo appena appurato, è per loro natura che gli italiani amano viaggiare e negli ultimi anni tale tendenza è aumentata sempre di più. In particolare il 2018 ha visto 79 milioni di partenze con pernotto, cifra destinata a salire nel 2019.

Ma quali sono le mete che prediligono gli italiani e quali tipi di vacanze scelgono?

Per quanto riguarda le mete del Belpaese, la prescelta è senza dubbio la Puglia. Negli ultimi anni infatti, il tacco dello stivale ha visto un incremento notevole di turisti italiani. Secondo i dati Istat, al secondo posto seguono l’Emilia-Romagna per le lunghe vacanze estive e il Trentino-Alto Adige per quelle invernali. La Toscana e la Lombardia sono invece le predilette per i periodi primaverili e autunnali. Si nota poi come la metà degli italiani che si mette in viaggio, lo fa per motivi di svago o di riposo, mentre il 21% sceglie delle attività culturali.

Ai fini del viaggio non importa quali sono le mete prescelte né le ragioni che spingono a viaggiare, perché l’importante, come canterebbe Fabrizio De André, è “per la stessa ragione del viaggio, viaggiare”.

Lascia una risposta