Il suono della foresta arriva fino in città!

Foresta

Soprattutto in periodi di pandemia, dove prima di partire per un viaggio ci si pensa due volte, si sente il bisogno di avvicinarsi alla natura, in particolare chi, come gli abitanti delle città, ne sono particolarmente distanti. E quale migliore atmosfera da ricreare per avvicinarcisi se non quella di una foresta? 

“Sounds of the Forest”

Dopo essere stati privati delle gite all’aria aperta a causa del Covid durante la primavera, abbiamo avuto modo di godere della natura durante l’estate, ma ora, con l’avvento dell’autunno, rischiamo di dovercene privare di nuovo.  

Wild Rumpus, associazione britannica, in collaborazione con la National Forest del Regno Unito ha trovato una soluzione, seppure parziale, a quest’esigenza, ha messo in piedi una sorta di database ricco di registrazioni si suoni naturali. Il portale online è organizzato come una grande mappa, l’utente deve solo scegliere quale atmosfera ricreare. Al momento sono presenti 600 frammenti audio provenienti da circa 60 paesi sparsi in tutto il mondo, tra questi anche i suoni di una foresta vicino Gubbio e Villa Salviati a Firenze.

ForestaUn’idea nata tra le note musicali 

L’innovativo progetto è nato per essere portato al Timber Festival (evento musicale) in piano per luglio e poi annullato a causa del Covid. Tuttavia, questo non è bastato a fermare l’iniziativa che, anzi, è sbarcata online divenendo una piattaforma autonoma e globale. 

Quando abbiamo realizzato che quest’anno non saremmo stati in grado di incontrarci di persona a causa della pandemia abbiamo messo in piedi un progetto sensoriale che fosse democratico e aperto a più persone possibili, qualcosa che potesse creare connessioni emotive viscerali fra le persone e la natura” spiega Sarah Bird, condirettrice di Wild Rumpus, che continua dicendo che sono più di 30mila le persone che si collegano, ogni giorno, per abbandonarsi tra cinguettii, acqua che si infrange sulle rocce o le diverse sinfonie del sottobosco prodotte fra i rami del vento.

La mappa è accessibile a tutti ed in qualsiasi momento, resta solo l’imbarazzo della scelta.

Lascia una risposta