I viaggiatori europei premiano i siti Unesco in Italia!

Unesco

Jetcost, motore di ricerca del gruppo LastMinute, rivela le statistiche sulle ricerche degli utenti: il 35% desidera il mare, il 18% agogna le città d’arte, il 10% desidera oziare in albergo, il 27% non vede l’ora di esplorare i grandi spazi, per lo più siti dell’Unesco.

A quest’ultimo gruppo di viaggiatori il motore di ricerca si è rivolto nuovamente, domandando loro quali sarebbero i luoghi all’aperto che vale la pena visitare. Ai vertici delle classifiche ci sono principalmente parchi naturali, la maggior parte di questi inseriti nell’elenco del Patrimonio Unesco. 

Etna al primo posto

Al primo posto in classifica c’è il celebre vulcano siciliano che, con i suoi 3340 metri di altezza, è Patrimonio Mondiale dall’Unesco, all’interno del Parco Naturale omonimo. Il Mongbello, secondo nome dell’Etna, è visitabile da tutti, grazie ai numerosi percorsi naturalistici, fino ai 2500 metri, dai quali per proseguire serve necessariamente l’accompagnamento di guide autorizzate.

In quota ci si sente liberi, tutto ruota intona alla “Muntagna”, come la chiamano i siciliani, che con il suo respiro impone il silenzio, con il suo calore esige uno sguardo attento.

Unesco

Seguono, di tutto diritto, le Dolomiti

L’opera architettonica più bella del mondo” sono così definiti i “Monti Pallidi” che rientrano nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità, offrendo panorami mozzafiato tra pareti rocciose, ghiacciai, parchi naturali, torri che svettano imponenti e ampie vallate. 

Riscuotono grandi preferenze, dichiara il motore di ricerca, anche i Laghi di Plitvice, in Croazia. Plitvice è ideale per chi ama le escursioni e le lunghe passeggiate, il Parco Naturale, con i suoi 16 laghi collegati, è dichiarato Patrimonio Naturale dall’Unesco.

Segue il Parco Nazionale della Sierra de Guadarrama, primo parco naturale di Madrid che, con 30mila ettari, incanta con i suoi ecosistemi d’alta montagna ed incuriosisce per la possibilità di camminare, da soli e nel più totale silenzio, immersi nel verde.

Lascia una risposta