Google Trips: arriva un assistente per i viaggi da Google

Google Trips

Sono partiti i test su Google Trips e quello che fino a poco tempo fa era solo un ipotesi ora esiste davvero!

Un vero e proprio assistente di viaggio di Google, che in un primo momento era stato chiamato proprio ‘Travel assistant’ ora ha un nome ufficiale: Google Trips.

Alcune indiscrezioni rivelano che in Italia potrebbe assumere un nome diverso, nello specifico, Google Viaggi.

Il progetto, dunque, sta diventando realtà e in base alle prime informazioni, sarebbe ora in fase di Test , che coinvolge soggetti non facenti parte del progetto. Per ora la app è interamente in inglese, ma le prime prove che circolano in rete parlano di una estrema facilità di utilizzo. Inoltre, la app consente di accedere a tutte le informazioni di Google Maps anche in modalità offline.

In pochissimi passaggi consente di aggiungere destinazioni di viaggi e di accedere alle loro informazioni, anche in modalità offline, con un paio di clic: è possibile visualizzare, ad esempio, le prenotazioni, le cose da fare, i posti dove mangiare e bere e via dicendo. La cosa interessante è che permette di visualizzare anche le informazioni provenienti da Google Maps in modalità offline e quindi di accedere rapidamente ad indirizzi, numeri di telefono, orari di apertura e a tutto il resto. E’ quindi l’ideale per chi ama viaggiare e per chi magari va fuori dall’Italia, dove c’è l’ansia del costoso roaming.

Il sistema consentirà di visualizzare tutte le prenotazioni effettuate, oltre ai suggerimenti sulle varie attività nella destinazione prescelta. Secondo gli analisti, le informazioni potrebbero arrivare dalle guide locali, più che da un sistema automatizzato.

Chi volesse provarla non deve fare altro che scaricare l’APK . Non c’è bisogno di inviti o di altre cose particolari. Staremo a vedere se questa nuovo modo di organizzare e gestire i viaggi, proposto da google piacerà agli internauti assumendola come l’assistente di viaggio personale, obbietto prefissato nel progetto.

Continua a seguire il blog di Turismo Uninform

 

Commenta