Google al fianco degli hotel!

Hotel

L’esperienza di viaggio, per ognuno di noi, è destinata a cambiare nettamente. E questo il motore di ricerca lo ha ben compreso, per questo si è attivato per affiancare i viaggiatori dalla pianificazione del viaggio sin dentro la stanza d’hotel.

Il motore di ricerca si adegua alle restrizioni

Dopo essersi gradualmente fatto promotore delle strutture ricettive, permettendo agli utenti di trovare e comparare i vari hotel solo digitando in barra di ricerca “hotel + località”, Google, con Guida di Viaggi, fa di più. Tantissime informazioni in tempo reale, dove poter passare la notte, eventuali promozioni e pacchetti per il soggiorno, voli disponibili per la propria destinazione e molto altro ancora. 

L’azienda americana, a seguito delle restrizioni dovute alla pandemia, ha messo in atto una piccola rivoluzione tecnologica, necessaria dopo che il Covid ha stravolto il nostro modo di viaggiare. Il motore di ricerca ha infatti attivato una serie di funzionalità per consentire all’utente di viaggiare in totale sicurezza, il meccanismo è molto semplice, digitando una destinazione si potrà da subito capire se la zona è a rischio Covid, ma non solo, anche una lista completa delle restrizioni imposte dal luogo di destinazione e dalle procedure da seguire al rientro. Per la ricerca dei voli è stata anche introdotta una funzione che evidenzia quelli che offrono la cancellazione gratuita, per scongiurare di perdere il biglietto in caso si dovesse verificare una nuova emergenza locale con conseguente cancellazione delle tratte.

HotelGoogle ora entra anche in hotel

Ordinare da bere o da mangiare, regolare le luci e persino fare il checkout direttamente dalla propria camera, che in tempo di distanziamento sociale è buona cosa, e se oggi è una realtà che in pochi possono vivere è indubbio che nell’immediato futuro sarà accessibile a tutti.

Google Inc. ha annunciato il lancio di questa nuova tecnologia ideata su misura per le strutture ricettive, per dare al turismo un nuovo slancio. La stanza d’albergo diventerà a tutti gli effetti efficiente come una smart home, in domotica, per consentire ai viaggiatori di plasmare il proprio viaggio personalizzandolo e rendendolo il più comodo possibile.

Ad oggi solo pochi hotel nel Regno Unito e negli Stati Uniti dispongono della tecnologia di Google, tra questi ci sono il Fairmont Princess a Scottsdale, in Arizona, il Dr. Wilkinson’s Resort a Calistoga, in California, Gale e Shelborne South Beach a Miami, il Village Hotels nel Regno Unito, e Gansevoort Meatpacking a New York City.

Che sia questo il destino del soggiorno in hotel?

Lascia una risposta