Green: parola d’ordine della Fiera del Turismo

Fiera internazionale del turismo di Rimini 2019: scopri l'evento

In questi giorni a Rimini è in corso la Fiera del Turismo che chiama a raccolta tutto il mondo del Travel: la TTG Travel Experience.

Questo evento di ampio respiro internazionale, giunto ormai alla sua 56^ edizione, si sta svolgendo in contemporanea con la SIA Hospitality Design (ovvero con la manifestazione dedicata all’ hotellerie) e con il SUN Beach&Outdoor Style, salone internazionale di riferimento per il mondo dell’outdoor, degli stabilimenti balneari e dei campeggi.

Tra i focus di questa edizione, grande spazio viene dedicato alla sostenibilità ambientale. Questa scelta non ci stupisce affatto, dato che nell’anno di Greta Tumberg, anche il settore del turismo deve far i conti con una domanda sempre più green.

Come emerge dai dati di Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, l’Italia è infatti protagonista della domanda di viaggio green ed eco friendly, domanda cioè di quei viaggiatori (sia italiani che stranieri) che prediligono la penisola proprio per l’attenzione che essa ha dimostrato verso l’ambiente.

Questa spiccata sensibilità green ha fatto in modo che la fiera, quest’anno, puntasse ad incentivare il percorso costruttivo, che il turismo sostenibile italiano ha già intrapreso a partire dall’estate appena terminata.

La stagione estiva 2019, infatti, ha visto un grande contributo nei confronti del green da parte di tutte le regioni italiane.

Contributo dimostrato dalle oltre 20 spiagge no smoke e plastic free, dalle 385 Bandiere Blu (4,6% in più rispetto al 2018) e dalle Sentinelle Del Mare. Quest’ultimo progetto, promosso da Confcommercio e Confturismo, ha visto collaborare circa 200 stabilimenti che, durante la scorsa estate, si sono messi a disposizione dei ricercatori, coinvolgendo i clienti nelle attività di raccolta di dati sull’ambiente marino e sulla biodiversità. Grazie a questa iniziativa infatti oltre tremila bagnanti si sono trasformati in “scienziati per un giorno”, offrendo il proprio contributo.

È quindi grazie a questo prezioso clima di partecipazione creatosi intorno al turismo sostenibile, che la TTG Travel Experience 2019 ha deciso di incoraggiare ulteriormente gli imprenditori del settore turistico alberghiero, facendoli rendere conto dell’importanza di sviluppare strategie di prodotto sempre più attente al green.

Tali strategie dovranno pian piano coinvolgere l’intera filiera turistica, partendo dal turismo “plastic responsible”, passando per la fito-architettura attraverso le strutture ricettive eco-compatibili per ospiti sempre più eco-consapevoli, fino ad arrivare a tenere in considerazione l’impatto totale che la vacanza genera sull’ambiente.

Turismo e spirito green queste quindi le parole chiave, sia per l’imperdibile TTG Travel Experience 2019 (che continuerà ad accogliere ospiti e visitatori fino a domani 11 ottobre), sia per noi di Uninform Group.

Per rimanere al passo con la tendenza green infatti abbiamo inserito, nel nostro Master Tourism Quality Management, il modulo dedicato al WWF Italia riguardante il turismo sostenibile e responsabile.

 

 

Lascia una risposta