Enit e il nuovo piano triennale del turismo. Ecco i dettagli

Enit presenta il nuovo piano triennale del turismo

È stato presentato ieri, 18 luglio, a Roma, il nuovo piano triennale del turismo 2019-2021. Numerosi i progetti che riguarderanno, ad esempio, il settore degli eventi, nuove aperture al mercato estero e, non ultima, l’occupazione. Il tutto, con una conferma del ruolo centrale dell’Enit, che continuerà ad essere presente nelle attività di Regioni, associazioni di categoria e privati.

Lo conferma il presidente Giorgio Palmucci, in occasione della presentazione del nuovo piano: «Abbiamo lavorato per tradurre la visione e gli obiettivi che il Ministero ci ha dato, per essere il catalizzatore di Regioni, associazioni e operatori e per far crescere il turismo nel nostro Paese». Ci ha poi tenuto a sottolineare come il settore turistico abbia oggi raggiunto la valorizzazione e l’attenzione che merita: «È cambiata la visione e l’approccio all’industria del turismo, valorizzato oggi da tutto il sistema Italia. Ora ha finalmente l’attenzione che merita un settore che muove 428,8 milioni di presenze e 41,7 miliardi di euro di spesa dei turisti stranieri».

Ma diamo uno sguardo ai dettagli del programma.

Tra i punti cardine c’è lo sviluppo dell’occupazione, in questo settore che continua a trainare l’economia del nostro Paese. «A settembre partirà il tavolo di lavoro per le professioni turistiche – spiega il Ministro dell’Agricoltura e del Turismo Gian Marco Centinaioperché vogliamo rinnovarle». Nel 2018 il Pil prodotto dal settore turistico è stato pari a 232 miliardi di euro (13,2% del Pil totale), con 3,5 milioni di occupati (14,9% dell’occupazione). E con una previsione a dieci anni di un aumento del Pil dell’1,7% (268,8 miliardi di euro) e +1,3% di occupati.

Grande attenzione, poi, al settore degli eventi. «Nel 2016 – ha ricordato il presidente dell’Enit – sono state organizzate 200 azioni promozionali, nel 2018 sono state 570 e per il 2019 saranno più di 600». Tra loro anche il Centenario dell’Enit, che verrà celebrato, ha annunciato il presidente, «con azioni speciali che dureranno dall’11 novembre del 2019 al 10 novembre del 2020». Ci saranno poi gli anniversari legati a Leonardo Da Vinci, la partecipazione al Giro d’Italia e ad altri eventi sportivi, fino alle fiere internazionali come il Seatrade e il World Routes.

Palmucci ha poi annunciato l’altro importante progetto dell’Enit: crescere su nuovi mercati di nicchia, diffondendo la presenza dell’agenzia nel mondo. «Oltre ai 28 uffici all’estero, nuove sedi di rappresentanza verranno aperte in Cina e precisamente a Shanghai e a Guangzhou, dove opereremo in sinergia con l’Ice. E nuove sedi verranno inaugurate anche a Dubai e Miami».

Infine i piccoli comuni italiani, anche loro tra le priorità incluse nel nuovo piano triennale del turismo. L’obiettivo è lo sviluppo turistico delle destinazioni cosiddette minori. «I trend attuali dimostrano che si sta andando a sviluppare turismo in quelle località che fino a qualche anno fa non erano considerate destinazioni turistiche – afferma il numero uno dell’Enit – Lavoreremo sulle esperienze più slow, sul turismo culturale, religioso, sul segmento termale, sul wedding, sui prodotti active e sull’outdoor».

Lascia una risposta