Da Vilnius l’idea per la ripartenza!

Vilnius

La capitale lituana propone un assetto decisamente innovativo che, se ben rodato, può rappresentare un buon punto di riferimento anche per gli altri Paesi. I bar saranno aperti, ma il servizio è al tavolo, previsti anche voucher e drive in, la città non si arrende e si prepara ad accogliere turisti.

Si punta ad essere il centro emergente del turismo planetario

Vilnius è in grado di farlo, anche egregiamente, con una serie di provvedimenti ed iniziative che emergono per la loro originalità e capacità di aggirare quell’insana burocrazia che a volte può far rallentare tutto.

La Lituania ha appena allentato la morsa delle restrizioni della libertà individuali, seppur nell’ottica del distanziamento sociale. Lo scopo è senz’altro quello di permettere ai vicini, Lettonia ed Estonia, di entrare, così da far ripartire, seppur in minima parte rispetto ai valori inediti pre pandemia, il giro d’affari legato al turismo.

Vilnius

Grandi novità per una grande ripartenza 

Vilnius si riempie di tavolini, ben distanziati (almeno 2 metri) l’un l’altro, per permettere a bar e ristoranti di aprire. La società che gestisce l’aeroporto si è attivata, con l’ausilio del team che ha organizzato il festival locale del cinema, per aprire un drive-in vicino lo scalo, l’Aero cinema. All’esordio è stato proiettato “Parasite” e, nel frattempo, altri drive-in stanno aprendo, o apriranno, in corrispondenza del Litexpo, la grande area commerciale della città.

Un altro aerodromo, quello di Paluknio per l’esattezza, è stato convertito in un grande spiazzo per concerti. Tanto gli eventi musicali che quelli cinematografici saranno a finestrini chiusi e con le radio sincronizzate sulla frequenza dell’evento per poter godere del film o del concerto.

Ciliegina sulla torta, la fashion week improntata sull’uso della mascherina, ampiamente pubblicizzata attraverso insegne e manifesti. Per quanto possa sembrare irreale, l’iniziativa sta riscontrando un notevole successo. 

La Lituania riceve annualmente (stima 2019) poco più di 4.3 milioni di turisti, di questi, 1.3 milioni visitano la capitale. Dati che, purtroppo, quest’anno non potranno essere riconfermati, ma che forse sarà questo genere di iniziative il modo per potersi cominciare a rialzare?

Lascia una risposta