Da Milano a Malpensa in 10 minuti a 1000km/h

Hyperloop

FNM studia il progetto del treno Hyperloop. I gestori del trasporto ferroviario sul Malpensa Express hanno mandato una lettera di intenti alla società che sta studiando i treni superveloci: sei mesi per proporre un piano.

Un’opera colossale per la sua complessità che ci consente di porre il cuore oltre l’ostacolo” Esordisce cosi Andrea Gibelli, presidente ed incaricato dal consiglio di amministrazione FNM a mediare con Hyperloop Italia, azienda produttrice del treno superveloce progettato da Eleon Musk.

FNM in un progetto più che ambizioso!

Il ruolo di FNM” spiega Gibelli “è di valutare la tecnologia Hyperloop, di cui l’Ue ha definito gli standard negli ultimi mesi e valuterà un’opportunità unica nel suo genere rispetto a una tecnologia che definire innovativa è un termine riduttivo“. Secondo le prime proiezioni, con la tecnologia Hyperloop sarà possibile coprire la tratta in 10 minuti, contro gli attuali 40. “FNM è aperta alle novità” prosegue Gibelli “ed ha superato una grande crisi negli ultimi anni, ha acquistato 176 treni che verranno affidati a Trenord e vuole essere in prima linea per valutare tutte le nuove tecnologie

Non poche le critiche emerse, prima tra tutte quella politica che riconosce l’importanza di un’innovazione di questo calibro, ma rammenta che prima di pensare allo straordinario bisogna consolidare l’ordinario. Attualmente non sono poche le criticità tanto nella tratta ferroviaria (che porta ad importanti rallentamenti) quanto all’insoddisfazione della classe pendolare.

Hyperloop

Notevole l’impatto su ambiente e turismo

Lama a doppio taglio se lo si abbina al discorso ambiente. Se da una parte il progetto Hyperloop garantirà l’utilizzo di sole fonti rinnovabili, un sistema basato su tubi chiusi a bassa pressione permettendo una discreta silenziosità e la mancata dispersione nellambiente di polveri e materiali, dall’altra non si può esultare allo stesso modo se si guarda all’impatto paesaggistico, inutile dire che i tubi sospesi non saranno visivamente gradevoli nelle aree extraurbane.

Inestimabile potenziale a livello turistico, se si dovesse realizzare la tratta Milano-Malpensa non tarderebbero ad arrivarne molte altre. Un treno superveloce in grado di percorrere Roma-Milano in 30 minuti, per dirne una, rivoluzionerebbe l’attuale range per il “viaggio in giornata” .

Si può affermare con certezza che le basi per il grande salto tecnologico ci sono tutte, ora non resta che mettersi a lavoro per compierlo nel migliore dei modi.

Lascia una risposta