Come offrire il soggiorno perfetto?

Soggiorno perfetto

La scorsa settimana vi abbiamo svelato qualche piccolo trucchetto che gli hotel possono sfruttare per trasformare un semplice soggiorno in un soggiorno perfetto e personalizzato per ogni cliente. La comunicazione attraverso i più moderni strumenti, abbiamo visto, sembra essere la chiave, ma i modi per regalare all’ospite una permanenza in hotel che difficilmente dimentichi sono tanti. Scopriamone altri, partendo da quelli più innovativi.

Sapete cos’è il CRM? Il Customer Relationship Management è oggi uno dei migliori strumenti per la personalizzazione del soggiorno, in quanto consente di tracciare qualsiasi informazione sul cliente e, quindi, di modulare il servizio in base a queste. Conoscendo, ad esempio, il motivo del viaggio, si può far trovare in camera un “kit di benvenuto” con cose utili. Se il viaggio che ha portato in hotel l’ospite è un viaggio di svago, potrebbe essere contento di trovare in stanza delle mappe e itinerari personalizzati. Se è in coppia, un piccolo cocktail di benvenuto potrebbe essere apprezzato, come anche un elenco di ristoranti romantici del posto. Se invece si tratta di una famiglia, delle caramelle e dei dvd da guardare nei momenti liberi sono delle idee simpatiche per tenere a bada i piccoli del gruppo, concedendo qualche minuto di relax ai grandi.

Un’altra soluzione per garantire all’ospite il soggiorno perfetto è quella di lasciare a lui la possibilità di personalizzarlo, fin dal momento della prenotazione sul sito, attraverso il cosiddetto modulo per il dynamic packaging. Qui si possono inserire tanti servizi aggiuntivi che il cliente può prenotare e che danno anche utili informazioni su di lui allo staff, come la sua disponibilità a spendere, i motivi del soggiorno e altro che tornerà utile durante la sua permanenza.

Certamente, anche puntare sulla tradizione non guasta ed è per questo che molte strutture si affidano alla figura del concierge, componente esperto dello staff, che conosce bene il posto e le esigenze degli ospiti, dei quali si mette a disposizione per fornirgli informazioni e consigli di ogni genere.

Tornando, però, alla tecnologia, ci sono hotel, soprattutto all’estero, che ormai non possono farne a meno e hanno scelto di dotare le loro camere di strumenti come tablet o smartphone, su cui sono installate applicazioni che consentono al cliente di effettuare scelte e personalizzare il soggiorno in tempo reale. Da questi dispositivi è possibile ordinare la cena, regolare le luci della camera e l’aria condizionata, richiedere un determinato servizio o prenotarne uno per il giorno successivo, scegliere il giornale da leggere o cercare informazioni sulle attrazioni del posto.

Insomma, che si opti per soluzioni all’avanguardia o si preferiscano quelle tradizionali, cucire l’offerta sui bisogni e sulle preferenze dell’ospite è sicuramente un’arma vincente per regalargli una permanenza serena, con tutte le conseguenze positive che questa può portare alla struttura stessa, in termini di feedback e fidelizzazione.

Commenta