Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Viaggi e vacanze online: si pianificano e si prenotano sempre più tramite mobile.



Viaggi e vacanze online: si pianificano e si prenotano sempre più tramite mobile.

A quanti di voi è capitato di utilizzare Pc e Tablet per l’organizzazione di un viaggio negli ultimi tempi? In quanti avete preferito il comodo divano di casa con un cellulare in mano alla più classica agenzia viaggi per prenotare viaggi e vacanze online?

In effetti negli ultimi anni i servizi che mettono a disposizione soluzioni su misura e tariffe speciali per  le vacanze e viaggi online si sono moltiplicati a dismisura.

La pubblicità  si è spostata dai manifesti ai portali e secondo lo studio semestrale TripBarometer (condotto da Ipsos per TripAdvisor) sono oggi oltre 3 su 5 gli italiani che prenotano le vacanze online, e tra questi il 34% ha indicato come motivo principale della scelta la disponibilità di un prezzo migliore.

Diversi sono gli strumenti, si spazia dagli avvisi di prezzo di Skyscanner agli strumenti di previsione dei voli di Momondo è la dinamicità a diventare elemento dominante.  Si può essere aggiornati in tempo reale, tramite allert, sulle variazioni di spesa delle rotte selezionate e vengono ponderati rispetto a medie periodo e fattori di stagionalità. Commissioni e costo del bagaglio non sono più un mistero grazie a opzioni come Payment Fee e Baggage Fee Calculator di Kayak, che fanno direttamente il conto di percentuali e gabelle, evitando brutte sorprese alla fine del percorso d’acquisto.

A farla da padrone è anche la flessibilità del tempo che si dilata fino all’ultimo momento, grazie a web e mobile, può diventare anche ultimissimo. Così da lastminute.com si arriva a hotelsbyday.com e DayBreakHotels, che permettono di accaparrarsi un posto persino il giorno stesso e approfittare delle strutture di soggiorno in orario diurno, senza trovarsi a pagare il conto intero per la notte.

Prenotare viaggi e vacanze online offre una varietà delle opzioni (perché non optare per un affitto con Airbnb o un ostello su HostelWorld?) e un risparmio, tramite le comparazioni sempre più ampie ed accurate di portali  come Booking.com e Trivago.

Si moltiplicano infine, un po’ per tutti gli operatori di settore, suggerimenti basati sulla geolocalizzazione e possibilità di scaricare mappe e materiali per essere poi rapidamente accessibili anche offline.

 “Abbiamo sperimentato un aumento massiccio di query mobile, registrando in un anno il 70% di crescita in conversione”, rileva Gurhan Karaagac, Country Manager di Kayak per l’Italia.

Se c’è ancora qualche ritrosia nel prenotare viaggi e vacanze online tramite smartphone, infatti, ce ne sono sicuramente meno nel continuare ad utilizzarlo anche in vacanza. I dati di eDreams confermano che 9 europei su 10 restano attaccati ai loro fidi compagni elettronici, dimostrando una sorta di dipendenza da iperconnessione: il 15% dichiara di collegarsi ogni ora, il 57% molteplici volte durante la giornata. Mappe, meteo, messaggi e social le funzioni più cavalcate, seguite a ruota dai traduttori e dalle note di Spotify e Shazam.

Evasione dalla quotidianità dunque, ma non dalla rete, visto che il 76% degli intervistati ha dichiarato che la presenza della connessione Wi-Fi influenza la scelta del luogo in cui soggiornare. Senza trascurare il fatto che si allunga ogni giorno la lista di compagnie che, grazie a provider come Gogo, offrono accesso alla Rete gratis, o più spesso a pagamento, anche durante il volo.

Oltre l’80% degli early bookers (cioè chi prenota tra un anno e tre mesi prima di partire) si dichiara entusiasta dei soggiorni, un dato che scende invece di quasi 20 punti percentuali per i late bookers (chi organizza la vacanza negli ultimi due mesi). Le ragioni principali? Minore stress e maggior risparmio.

Il turismo 2.0 è sempre più digitalizzato grazie a un mix di web, mobile e anche social media. “Una delle ragioni principali per cui le persone scelgono una certa destinazione sono consigli e suggerimenti degli amici: essere all’interno delle dinamiche dei social network quindi è fondamentale”, spiega Daniel Craig, Senior Director Mobile e Social Media di Hotels.com, un gruppo che opera in 85 Paesi e in 35 lingue diverse. I social sono strategici sia come modo per relazionarci coi nostri clienti, con raccolta feedback e risposte in tempo reale, sia come piattaforma per trovarne di nuovi, considerando il sostegno di inserzioni pubblicitarie”.

Il futuro, dunque, è di chi saprà coniugare al meglio trasversalità e affidabilità. I metamotori di ricerca potranno raggiungere il 70% di utilizzo. L’unico dilemma che resterà da risolvere, a quel punto, sarà l’imbarazzo della scelta tra i vari viaggi e vacanze online.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa