Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo online: Yelp sbarca in Italia



Turismo online: Yelp sbarca in Italia

Quest’oggi il blog Turismo Uninform, da sempre estremamente attento sia alle dinamiche delTravel 2.0 e della distribuzione online che all’ingresso di nuovi player sul mercato del Turismo, torna ad occuparsi di recensioni, commenti e sitiweb UGC (User Generated Content)  per parlare del lancio italiano di Yelp, uno dei più grandi portali statunitensi specializzati in recensioni di viaggio.

Nello specifico, dopo Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Germania, Austria, Olanda e Spagna, il 22 Settembre scorso finalmente Yelp sbarca anche in Italia con l’obiettivo di consolidare ulteriormente il proprio posizionamento in Europa e proporsi come nuovo canale di recensioni di viaggio.

Rispetto ad altri portali web UGC (User Generated Content) comeTripAdvisor, Zoover, HolidayCheck e tanti altri ancora, Yelp si differenzia per la possibilità offerta agli utenti di poter esprimere una propria opinionenon solo su prodotti e servizi turistici tradizionali come gli hotel, lecompagnie di crociere, le compagnie aeree, gli agriturismo, gli alberghi diffusi, i B&B, i Tour Operator, i villaggi turistici, le OTA (Online Travel Agency), i GDS (Global Distribution System), le agenzie di viaggio, ecc., ma in pratica garantisce libertà di espressione su qualsiasi attività commerciale, siano esse ristoranti, testate giornalistiche, brand di elettronica, centri benessere, gelaterie, vita notturna, e così via.

Oltre a minare la leadership di TripAdvisor, l’ingresso in Italia di Yelpriapre ancora una volta la spinosa questione relativa alla veridicità dellerecensioni pubblicate su questo tipo di portali e getta inquietanti ombre sull’affidabilità dell’anonimato.

In realtà, però, i profili Yelp sono collegati a Facebook e Twitter e, quindi, la possibilità che le recensioni fittizie continuino a moltiplicarsi anche su questo canale sembra piuttosto marginale, se non addirittura improbabile.

Inoltre, stando alle dichiarazioni di Miriam Warren, Europe MarketingCoordinator in forza presso Yelp, pubblicate su Wired.it, il fenomeno dellerecensioni false sembrerebbe essere ulteriormente arginato da uno speciale filtro anti-spam in grado non solo di individuare i commenti“pilotati” ma di assegnare anche un punteggio particolarmente basso ai profili che hanno pubblicato tali contenuti.

Da sottolineare, poi, come Yelp consenta a qualunque titolare d’impresa, sia essa a vocazione turistica o no, la pubblicazione della propria attività all’interno della piattaforma, una caratteristica, questa, imprescindibile per chi offre servizi geolocalizzati.

Ovviamente, l’inserimento di una determinata attività commerciale suYelp permette anche la realizzazione di offerte speciali dedicate, il monitoraggio puntuale delle performance generate dalla pagina business e l’interazione, privata o pubblica, con l’utenza finale.

E’, quest’ultima, una funzionalità di particolare rilievo poiché, a differenza di altre piattaforme e di altri portali, Yelp favorisce in questo modo un atteggiamento proattivo nei confronti delle recensioni pubblicate dagli utenti ed allo stesso tempo agevola un maggiore coinvolgimento dell’utenza finale (User Engagement).

A questo punto, al di là dell’importante novità rappresentata dall’ingresso di un nuovo player nel mercato delle realtà UGC (User Generated Content) e delle recensioni, il blog Turismo Uninform desidera richiamare ancora una volta l’attenzione degli affezionati e numerosi lettori sull’ennesima affermazione di una tendenza oramai sempre più evidente e consolidata: ilTurismo online continua la sua profonda, costante, ed inarrestabile trasformazione passando da una dimensione Travel 2.0 ad una sempre più “Social Travel”.

Cosa ne pensi dell’approdo in Italia di Yelp? Ritieni che questo nuovo canale possa essere in grado di fronteggiare l’indiscussa supremazia diTripAdvisor nel mercato delle recensioni di viaggio e delle opinioni degli utenti? E soprattutto, pensi che l’annoso problema delle recensioni fasullepossa essere limitato dall’approccio sviluppato da Yelp per le relative pubblicazioni da parte degli utenti?

Se sei un operatore turistico e stai già utilizzando Yelp all’interno delle tue strategie distributive e promozionali, condividi la tua testimonianzaprofessionale con i numerosi lettori del blog Turismo Uninform. Se, invece, sei un appassionato di Turismo in generale, di Travel 2.0 e didistribuzione online, pubblica un tuo commento sul blog e segnalaci le tue raccomandazioni, i tuoi consigli e le tue opinioni.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa