Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo online: la geolocalizzazione secondo Facebook



Turismo online: la geolocalizzazione secondo Facebook

L’interesse di Facebook nei confronti della geolocalizzazione

Quest’oggi sul blog Turismo Uninform torniamo a parlare di geolocalizzazione e lo facciamo, come sempre a modo nostro, ragionando sull’offensiva che Facebook nei giorni scorsi ha lanciato nei confronti di Foursquare, Gowalla, Yelp, ecc., attuali detentori di buona parte del mercato dei cosiddetti location-based services, un mercato straordinariamente promettente e dalle infinite potenzialità applicative soprattutto per il comparto turistico.

Ebbene, sul web e sui blog di mezzo mondo specializzati in Turismo online e Social Media le voci si rincorrevano oramai da tempo e quando qualche giorno fa finalmente Facebook ha annunciato il suo ingresso nell’arena della geolocalizzazione grazie all’applicazione Facebook Places, improvvisamente nuovi scenari competitivi si sono aperti per il Travel 2.0. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Facebook Places è la nuova piattaforma di proprietà del colosso statunitense che, grazie alla tecnologia GPS integrata sugli iPhone Apple, permette agli utenti di comunicare in tempo reale la propria posizione sul globo terrestre all’intera rete di contatti personali e di fornire, contemporaneamente, eventuali suggerimenti,recensioni, commenti, informazioni, opinioni e consigli sulla destinazione in cui ci si trova. Il tutto tramite semplici operazioni di check-in.

In realtà va sottolineato che non si tratta di una vera e propria novità in quanto già da tempo Foursquare, Yelp, Gowalla, ecc. forniscono questo tipo di servizio rendendolo disponibile sulla quasi totalità di smartphone in commercio. Semmai, la vera novità risiede in due aspetti estremamente interessanti, soprattutto per quanto riguarda l’industria del Turismo.

Infatti, se da un lato la base di utenti Facebook che potrebbe utilizzare questa tecnologia è davvero imponente – basti pensare ai 10 milioni di utilizzatori attivi presenti soltanto nel nostro Paese -, dall’altra bisogna considerare anche la questione relativa all’ingresso di applicazioni con funzioni di geolocalizzazione realizzate da soggetti esterni a Facebook.

E’ quindi verosimile attendersi che nei prossimi mesi assisteremo ad una vera e propria proliferazione di applicazioni create per promuovere esperienze sociali di vario genere, da quelle realizzate per il settore Travel – grazie alle quali sarà possibile conoscere in tempo reale sia la presenza di altri utenti e/o amici nella destinazione in cui ci si trova che le relative recensioni di viaggio, presenti e passate – ad altre di natura, tanto per fare un paio di altri esempi, organizzativa e promozionale. In ogni caso, le opportunità di mercato saranno potenzialmente infinite e soltanto la creatività degli sviluppatori ci dirà fino a che punto riuscirà a spingersi questo nuovo trend del Travel 2.0.

Detto ciò, è però inevitabile sottolineare una criticità di non poco conto e sulla quale il Social Media americano è già stato oggetto in passato di numerose critiche: la privacy. In realtà, sebbene il servizio di geolocalizzazione sia stato impostato in modalità predefinita, sarà sufficiente accedere alle impostazioni del menù di gestione della privacy e disabilitare, parzialmente o totalmente, la funzione.

Con l’ingresso di questo nuovo servizio, Facebook rilancia la sua sfida nei confronti di Google il quale starebbe, nel frattempo, pensando al lancio della propria piattaforma di Social Network, Google Me. La competizione è appena cominciata ma c’è da scommettere che ne vedremo davvero delle belle sul fronte del Turismo online.

Racconta sul blog Turismo Uninform la tua opinione sul ruolo, sempre più centrale, dei Social Media nel comparto turistico e lascia un tuo commento. Saremo lieti di discuterne insieme.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa