Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo online: il futuro delle ricerche locali secondo Google+ Local



Turismo online: il futuro delle ricerche locali secondo Google+ Local

Da quandoInternet ha fatto la sua comparsa, le logiche di distribuzione epromozione turistica sviluppate dagli operatori turistici si sono progressivamente adattate alle mutate abitudini ed esigenze delladomanda turistica.

 

Non a caso, infatti, e grazie soprattutto all’avvento dei Social Media, l’utenza online ha progressivamente iniziato a conquistare un ruolo di maggiore centralità sia all’interno della filiera distributiva che dei processi di promozione turistica, mentre i tradizionali detentori dell’offerta turistica come i Tour Operator, gli hotel, le compagnie aeree, i villaggi turistici, le compagnie di crociere, gli agriturismo, gli alberghi diffusi, iB&B, i vettori ferroviari, ecc. appaiono ora sempre più condizionati e vincolati a quella stessa utenza che in passato ricopriva un ruolo di mero ricettore passivo.

 

Ebbene, alla luce di queste brevi considerazioni preliminari, il blog Turismo Uninform quest’oggi torna ad occuparsi di Social Media, più specificatamente di Social Network, per condividere con gli affezionati e sempre più numerosi lettori l’ultima novità in casa Google, in assoluto ilmotore di ricerca più famoso ed utilizzato al mondo.

 

In realtà erano già in tanti a sospettare che, prima o poi, la Social Search promossa da Google avrebbe comportato un focus sempre maggiore sul Social Network di Mountain View, Google+. E’ così è stato. Ed infatti Google Places, il sistema di servizi per business locali più noto al mondo, si integra con il Social Netowork di BigG e diventa ora Google+ Local.

 

Grazie a questo cambiamento Google+ Local introduce una novità piuttosto significativa non solo per l’esperienza di ricerca da parte dell’utenzaonline, ma anche per i gestori delle attività commerciali locali. Non a caso, infatti, questi ultimi saranno ora reperibili direttamente su Google Maps e certamente più esposti alle interazioni con il Social Network.

 

Oltre a tutte le caratteristiche che da sempre hanno rappresentato il vero successo di Google Places, una delle principali novita di Google+ Localrisiede nel sistema di valutazione dei luoghi. Qualsiasi luogo visualizzato suGoogle+ Local, infatti, vedrà assegnarsi un punteggio variabile da 1 a 30 tramite il modello di Zagat, la nota azienda specializzata in recensionigastronomiche ed acquistata da Google nel Settembre del 2011.

 

Un’altra importante novità di Google+ Local è rappresentata dall’elevato livello di integrazione che questo sistema di servizi per business localigarantisce con tutti i servizi Google come, ad esempio, le mappe e la ricerca.

 

Come se non bastasse, alla stregua di un vero e proprio Social Network,Google+ Local consente all’utenza online la condivisione delle proprieopinioni in merito ad un determinato luogo con i contatti già presenti nelle proprie, un modo per rendere ancor più utile e personalizzato il sistema direcensioni.

 

A questo punto, quindi, appare più che evidente non solo la progressiva e sempre più strutturata integrazione dei numerosi prodotti erogati daGoogle, ma anche, e soprattutto, il ruolo sempre più centrale di Google+, un vero e proprio collettore dell’intera offerta turistica di Mountain View. Non a caso, infatti, Google+ Local è presente ed accessibile direttamente dal proprio account Google+.

 

In altre parole Google, orientandosi maggiormente nei confronti dell’utenzaonline e facendo propria quella sua esigenza aggregatrice e accentratrice di una pluralità di servizi sotto l’egida di un unico collettore, Google+appunto, getta le fondamenta per un futuro in cui il motore di ricerca più famoso al mondo continuerà a rappresentare uno strumento, se non lo strumento, con il quale informarsi, informare, divulgare, conoscere e condividere.

 

E tu, cosa ne pensi del nuovo servizio Google+ Local? In che modo ritieni che le aziende locali possano trarre maggiori benefici dallo sfruttamento di questo strumento Social? Quali scenari intravedi per le ricerche locali alla luce di questa novità? La tua realtà turistica è già presente su Google+ Local?

 

Che tu sia un operatore turistico professionista o un fervido appassionato di distribuzione online, Social Media, motori di ricerca, SEO (Search Engine Optimization), Web Marketing, SEM (Search Engine Msrketing) eSMM (Social Media Marketing),raccontaci la tua testimonianza in presa diretta e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

 

Dai voce alle tue opinioni e pubblica un tuo commento sul nostro blogdedicato al Turismo ricordandoti di segnalarci tutti i tuoi suggerimenti, i tuoi consigli e le tue raccomandazioni. Saremo davvero lieti di poterne discutere approfonditamente ed avviare un nuovo dibattito sugli scenari futuri dei Social Media applicati al Turismo.

 

Continua a seguire il blog Turismo Uninform

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa