Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo online: Booking.com e easyJet insieme



Turismo online: Booking.com e easyJet insieme

In più occasioni ilblog Turismo Uninform, da sempre orientato all’osservazione ed all’analisi delle dinamiche turistiche a livello internazionale, si è interessato all’ampio processo di disintermediazione che in maniera sempre più invasiva ha interessato la quasi globalità del comparto turistico, daglihotel agli agriturismo, dalle compagnie aeree ai villaggi turistici, daglialberghi diffusi agli agriturismo, dalle compagnie di crociere ai Tour Operator, dai B&B ai vettori ferroviari e così via.

La deriva nei confronti della disintermediazione è stata senza alcuna ombra di dubbio favorita dalla nascita del web – il cui attuale ruolo all’interno della filiera distributiva turistica ha impresso una significativa accelerazione a tutti i processi di distribuzione e promozione turistica – e le OTA (Online Travel Agency), i soggetti più attivi sul canale distributivo online e che più di tutti hanno lasciato intravedere agli operatori turisticile enormi opportunità di business che si celavano nel mare magnum diInternet, hanno avuto il grande merito di dimostrare le potenzialità delladisintermediazione, soprattutto quella online.

Ed è proprio di OTA (Online Travel Agency) e disintermediazione che parleremo quest’oggi sul blog Turismo Uninform condividendo con tutti gli affezionati e sempre più numerosi lettori non solo tutti i risvolti del recentissimo accordo siglato tra easyJet (la nota compagnia aerea low cost) e Booking.com (il portale di prenotazioni alberghiere più famoso al mondo), ma anche tutte le implicazioni per gli hotel da un punto di vista squisitamente distributivo.

Nello specifico, l’accordo prevede che le oltre 200.000 strutture alberghiere presenti sul portale di prenotazioni online di hotel,Booking.com, siano ora disponibili e prenotabili direttamente sul sito webdi easyJet con la garanzia del “Pay after you stay”, ovvero una modalità di pagamento quindi senza pagamento anticipato.

Per chi possiede già una certa dimestichezza con il mondo del Turismo online, sarà fin troppo facile ravvisare come l’accordo tra la notacompagnia aerea low cost e Booking.com rappresenti l’ennesima dimostrazione della tendenza che vede i colossi del comparto turisticoavvicendarsi tra apparentamenti clamorosi ed altrettante fragorose divisioni.

Una circostanza, questa, che oggettivamente implica non solo un graduale ma progressivo allontanamento dell’utenza online da una dimensione più intima dell’esperienza di viaggio, ma anche un evidente isolamento dellestrutture ricettive che, restando “vittime” di questi meccanismi distributivi e promozionali, vedono le possibilità di disintermediazionecome ancora più remote e sempre più complicate da realizzare.

Del resto, basta ricordare come proprio Booking.com fosse fino a pochissimo tempo fa fornitore d’hotel per Ryanair, altro colosso aereo low cost che ha però poi optato per il sito web di comparazione prezzi HotelsCombined, e easyJet partner ufficiale di Laterooms a cui è poi subentrato Booking.com.

Un ulteriore dimostrazione del fatto che le compagnie aeree si stiano concentrando sempre di più sul versante dei servizi aggiuntivi, o ancillary fees, per generare revenue grazie alla prenotazione di camere d’hotel.

Pertanto, se da un lato l’accordo tra Booking.com easyJet non presenta caratteristiche di particolare innovazione poiché lo stesso modello di business è stato utilizzato già in passato e in forme anche diverse, dall’altro l’intesa appena raggiunta getta delle ombre sulle ricaduta che essa potrà avere per l’intero comparto dell’hotellerie.

Del resto, non va dimenticato che Booking.com è un Brand turisticoappartenente a Priceline, l’OTA (Online Travel Agency) con la maggiore quota di mercato in Europa, e easyJet si va configurando sempre di più come la compagnia aerea low cost di riferimento nel continente europeo.

Così come è stato strutturato, e per le dimensioni dei player coinvolti nell’operazione, l’accordo garantirà una enorme visibilità agli hotel, ma renderà certamente più complessa l’attività di disintermediazione che vorrebbero promuovere le strutture ricettive.

Non a caso, infatti, durante la pianificazione di un viaggio, l’utenza online si muove preliminarmente nella direzione della prenotazione degli spostamenti (in questo caso le compagnie aeree) e solo successivamente penserà all’hotel. Va da sé che se il sito web di un vettore aereo propone anche la più ampia selezione di alberghi in tutto il mondo, per non parlare dell’enorme mole di recensioni disponibili su Booking.com, l’utenza sarà istintivamente portata ad utilizzare il motore di ricerca hotel presente sul sito dove ha già prenotato il volo.

L’accordo siglato da easyJet e Booking.com garantirà una visibilità enorme alla compagnia aerea e al portale di prenotazioni alberghiere, questo è certo, ma le strutture ricettive si ritroveranno sempre di più nella condizione di dover incrementare ulteriormente i propri sforzi per non perdere terreno in termini di posizionamento, branding e soprattuttodisintermediazione.

E tu, cosa ne pensi dell’accordo tra Booking.com e easyJet ? Quali scenari distributivi intravedi sul breve e medio periodo per gli hotel? Quale ruolo rivestono i grandi colossi del Turismo online nei confronti della dialettica che tende a promuovere e ad incoraggiare gli operatori turistici ad adottare un approccio sempre più orientato alla disintermediazione? In che modo la tua realtà turistica riesce a disintermediare efficacemente e in quale contesto?

Che tu sia un operatore turistico di lungo corso o un convinto appassionato di distribuzione online, Web 2.0, Social Media e Turismo in generale, condividi la tua testimonianza professionale con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai voce alle tue opinioni ricordandoti di segnalarci tempestivamente i tuoi consigli, i tuoi suggerimenti, le tue raccomandazioni e le tue impressioni. Saremo lieti di discuterne insieme a te ed approfondire il dibattito sul futuro delladisintermediazione online e tradizionale.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa