Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo last minute



Turismo last minute

Quest’oggi la redazione del Blog Turismo Uninform, vuole condividere con i suoi affezionati lettori, l’analisi della stagione turistica 2014 svolta da TravelRepublic.it, una delle più importanti OTA europee e svolgere qualche riflessione sui trend registrati.

Il big delle agenzie online, ormai attivo da oltre dieci anni, è entrato nelmercato italiano nel 2011, possiede siti web in Austria, Germania Irlanda e Regno Unito e può annoverare un giro di clientela annuale di più di due milioni di viaggiatori e turisti ed oltre 650 mete nel mondo.

Trecentomila gli alberghi e gli hotel presenti sui siti di TravelRepublic ed oltre un milione le recensioni postate dai suoi utenti. Numeri che danno direttamente la misura dell’impatto dell’OTA sul mercato  internazionale dell’hospitality e dell’attendibilità dei suoi studi.

Il dato che più colpisce è costituito senza dubbio dall’aumento esponenziale delle prenotazioni last minute nel nostro Paese. Un italiano su tre ha prenotato online il proprio hotel o albergo, solo qualche giorno prima dellapartenza. Rispetto al 2013 gli analisti di TravelRepublic, in Italia, hanno registrato una significativa riduzione del periodo intercorrente tra laprenotazione e l’effettiva data di partenza.

In particolare a giugno 2014, il 40% circa del booking e’ risultato relativo allepartenze di luglio mentre il mese di luglio ha registrato prenotazioni, per il 50% relative a partenze nello stesso mese e per l’altro 50%, prenotazioni di vacanze che si sarebbero svolte in agosto. Il mese clou dell’estate ha poi definitivamente confermato  il trend della crescita del turismo last minute. Oltre il 50% delle prenotazioni effettuate nel mese di agosto, infatti, hanno preceduto, al massimo di una settimana, l’effettivo inizio dellavacanza.

Il trend risulta ancora più significativo se confrontato con quanto avvenuto, nel corso dell’estate 2014 all’estero e per esempio nel Regno Unito. In questo Paese solo il 12% degli utenti di TravelRepublic ha prenotato hotel ealberghi una settimana prima della data di partenza. Il 15% degli inglesi ha preferito preoccuparsi delle prenotazioni almeno quindici giorni prima dell’inizio delle vacanze e circa il 40% dei sudditi di Sua Maestà ha effettuato la propria prenotazione almeno un mese prima della partenza.

Ancora qualche dato interessante registrato da TravelRepublic.it.

Le mete turistiche italiane più cliccate sui suoi siti sono risultate le inossidabili città d’arte come Roma e Milano, soprattutto nella prima metà dell’estate ed hanno egregiamente tenuto banco la Riviera Adriatica ed ilSalento insieme a  Sorrento e Palermo. Siciliana anche la sorpresa dell’estate che ha incoronato Taormina fra le destinazioni turistiche italiane più gettonate. All’estero invece gli italiani continuano a preferire la Spagna e le isole Baleari generando un gran numero di prenotazioni anche alla volta della Grecia e di Malta.

In un periodo di eccezionale congiuntura economica non è cambiata la spesa media dei turisti rispetto al 2013, attestatasi anche quest’anno su un importo di circa 172 euro per le vacanze in Italia e di circa 520 euro per le vacanze oltre confine.

Commentando i dati sopra riportati, Alexandra Koukoulian, E-commerce Director di Travel Republic, ha potuto evidenziare, pur in un periodo di crisi finanziaria e di contrazione dei consumi del prodotto turistico, la crescita dell’OTA da lei diretta, del 200% rispetto al 2013.

Secondo il suo E-commerce Director, l’Agenzia online ha saputo interpretare al meglio la crescente richiesta di flessibilità proveniente dagli utenti e determinata non solo dalla crisi finanziaria ormai endemica ma anche dalle avverse condizioni meteo che hanno caratterizzato straordinariamentel’estate 2014 e sulle quali più volte la redazione del Blog Turismo Uninformha focalizzato la sua attenzione.

TravelRepublic è riuscita a venire incontro ai suoi clienti con le formule vincenti della flessibilità e del miglior prezzo garantito assicurando una ampia scelta  senza penalizzare quei viaggiatori che a causa del maltempo hanno dovuto cambiare destinazione all’ultimo momento, continuando a praticare tariffe competitive anche a chi ha deciso “tardi” di prenotare la propria vacanza.

Flessibilità e competitività delle tariffe praticate i fattori che hanno assicurato il successo commerciale della stagione 2014 di TravelRepublic. E’ un modello replicabile dalla generalità dei player turistici? Tu cosa ne pensi? La redazione del Blog Turismo Uninform invita tutti i suoi lettori e gli operatori del comparto turistico a pubblicare un proprio commento in proposito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa