Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo estivo: i dati dell’estate 2011



Turismo estivo: i dati dell’estate 2011

La stagione estiva è oramai alle spalle e finalmente gli operatori turistici, così come la Redazione del blog Turismo Uninform, possono dedicarsi con maggiore tranquillità all’analisi dei flussi turistici relativamente all’estate appena trascorsa.

Nel frattempo, però, il Ministro del Turismo, l’Onorevole Michela Vittoria Brambilla, ha presentato nei giorni scorsi i dati relativi all’andamento del comparto turistico durante la stagione estiva 2011 divulgati da Bankitalia e dall’Osservatorio Nazionale del Turismo e quest’oggi il blog Turismo Uninform desidera condividere con gli affezionati e numerosi lettori proprio gli interessanti, e per certi versi sorprendenti, risultati emersi dal rapporto.

Nello specifico,  i turisti stranieri hanno fatto registrare un vero e proprio boom di presenze nel nostro Paese attestandosi a una quota percentuale pari al +6,6%. Tale incremento, favorito certamente dal rafforzamento della valuta statunitense nei confronti dell’euro, è stato trainato in particolar modo dai turisti provenienti dall’America le cui presenze sono state del 15,9% superiori rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Inoltre, ragionando in termini di pernottamenti e di spesa turistica, i dati diffusi da Bankitalia evidenziano un forte consolidamento dei turisti stranieri nel nostro Paese che si traduce in incrementi percentuali pari a +4,7% e +7,3% rispettivamente.

Uno sguardo alla classifica dei Paesi di provenienza che hanno fatto registrare il più significativo aumento percentuale di arrivi rivela la presenza di molteplici economie emergenti, mercati verso i quali sia il Governo che il Ministero del Turismo hanno avviato e realizzato importanti attività di promozione turistica e commercializzazione. Nello specifico, Cina (+86%), Messico (+84,8%) e Australia (38,3%) risultano essere i primi tre Paesi, seguiti a loro volta dal Brasile (+22,1%), dalla Russia (20,6%) e dagli Stati Uniti (14,3%).

E se i turisti stranieri sono stati motivo di enorme soddisfazione per il comparto turistico nazionale, il turismo alberghiero non è certo stato da meno tanto che il solo mese di Agosto ha visto ben 6 Regioni italiane protagoniste indiscusse con un tasso di occupazione superiore all’80% (Alto Adige, Puglia, Veneto, Marche, Liguria e Toscana).

I dati sull’estate italiana 2011 divulgati dall’Osservatorio Nazionale del Turismo certificano l’ottima performance degli hotel nazionali e confermano ulteriormente il trend positivo registrato in più occasioni nei mesi scorsi anche dal nostro blog. Ma vediamo nel dettaglio i risultati emersi dalla relazione.

Nell’arco di tempo compreso tra Giugno ed Agosto, le imprese ricettive italiane, siano esse alberghiere o extra alberghiere, hanno realizzato un tasso di occupazione pari al 50,4% a Giugno, del 63,6% a Luglio e del 74,4% ad Agosto. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, la crescita dei volumi di camere vendute si attesta al +2,9% per Giugno, al 3,7% per Luglio e al 5,4% per Agosto.

Anche per le strutture ricettive i volumi di presenze straniere hanno subito un incremento rispetto all’estate 2010 e l’indagine campionaria di Federalberghi  ne certifica ulteriormente la crescita evidenziando un soddisfacente +1,3%. L’incidenza del Turismo internazionale per il comparto alberghiero italiano proviene in particolar modo dalla Germania (52,1%), dalla Francia (28,6%) e dai Paesi Bassi (15,5%).

Dati estremamente incoraggianti anche per quanto riguarda il fronte della domanda turistica interna. Secondo l’Osservatorio nazionale del Turismo, infatti, sono stati 24,5 milioni gli italiani (circa la metà della popolazione residente) che hanno trascorso almeno un periodo di vacanza durante l’estate 2011. Anche la spesa media destinata alle vacanze estive ha fatto registrare un notevole incremento passando dai 664 euro del 2010 ai 743 euro del 2011. Da sottolineare, poi, come oltre l’80%  dei viaggi intrapresi dagli italiani nel periodo estivo 2011 abbia avuto come destinazione finale una località nazionale.

Se le vacanze degli italiani per il mese di Giugno si sono attestate a 10,2 milioni (sostanzialmente stabili rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e a 10,5 milioni a Luglio (in calo di 1,5 milioni), il mese di Agosto, contrariamente alle aspettative degli analisti,  è tornato alla ribalta facendo registrare un incremento pari a +1,5 milioni. Questo risultato è stato certamente condizionato dalla tendenza al last minute, la prenotazione sotto data, e dalle  incertezze meteorologiche che hanno accompagnato l’estate 2011.

In definitiva, dai risultati appena commentati emerge che il comparto turistico italiano, nonostante la difficile congiuntura economica, rappresenta un asset strategico per il Paese in grado di generare sviluppo,occupazione, ricchezza e benessere.

Cosa ne pensi dei dati divulgati da Bankitalia e dall’Osservatorio nazionale del Turismo? In che modo il nostro Paese in futuro potrà continuare ad attirare la domanda turistica internazionale? E quanto margine ritieni possa ancora esserci per consolidare ulteriormente i volumi di presenzepernottamenti provenienti dalla domanda turistica nazionale?

Che ruolo rivestiranno le economie emergenti nei confronti del comparto turistico italiano? Quali leve commerciali e promozionali dovrebbero essere utilizzate sia dagli operatori turistici che dagli enti preposti al Turismo per favorire la promozione e commercializzazione del Sistema Turismo Italia?

Che tu sia un operatore turistico professionista  o un appassionato di Turismo a 360 gradi, raccontaci le tue opinioni e condividile con tutti i lettori del blog Turismo Uninform. Pubblica un tuo commento sul blog e segnalaci i tuoi suggerimenti ed i tuoi consigli.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa