Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo e Social Network: YouTube e Google Plus sempre più integrati



Turismo e Social Network: YouTube e Google Plus sempre più integrati

YouTube e Google Plus sempre più funzionali al comparto turistico.

Per tutti gli appassionati di Social Mediadistribuzione online, Travel 2.0 e motori di ricerca l’articolo di quest’oggi della Redazione del blog Turismo Uninform sarà di sicuro interesse ed attualità per i numerosi lettori poiché va ad approfondire gli impatti degli ultimissimi aggiornamenti rilasciati da YouTube e Google+ in materia di user engagement e viralità, così come le possibili ripercussioni che tali novità potrebbero comportare per le strategie distributive e promozionali degli operatori turistici. Ma vediamo insieme di cosa si tratta.

I più attenti alle dinamiche legate ai Social Network ed alle iniziative del più popolare ed utilizzato motore di ricerca al mondo, Google, avranno certamente notato come Big G abbia recentemente introdotto una nuova gestione e visualizzazione dei commenti presenti su YouTube orientati ad una maggiore integrazione con l’oramai celebre Google+.

In effetti, scorrendo le spiegazioni presenti sul blog italiano ufficiale della famosa piattaforma di video sharing, in merito a questa integrazione tra YouTube e Google Plus si apprende che il nuovo sistema di commenti implementato da YouTube consente ora all’utente di monitorare attentamente il contenuto dei commenti stessi ancora prima della loro pubblicazione. Come se non bastasse, poi, il titolare del canale YouTube può anche decidere di approvare automaticamente i commenti di alcuni fan così come bloccare determinate parole presenti all’interno dei commenti in generale.

E’ evidente come alla base del nuovo sistema di commenti ideato da Google per YouTube emerga in realtà la volontà di conferire maggiore autorevolezza a questo tipo di contenuti UGC (User Generated Content) e, soprattutto, di contrastarne l’anonimato. Un obiettivo, questo, che almeno per il momento non sembra affatto essere stato centrato dalmotore di ricerca più famoso del mondo.

In effetti il web, lo sanno bene gli appassionati di distribuzione onlineSocial Network, non è affatto quel luogo perfetto all’interno del quale l’aggressività, la scortesia, il razzismo, l’intolleranza e la maleducazione vengono scongiurate attraverso l’obbligatorietà di utilizzo del proprio nome e cognome. Al contrario. Prova ne è, in maniera piuttosto sarcastica tra l’altro, la serie di commenti pubblicati dagli utenti in merito a un video apparso su YouTube all’interno del quale si criticava proprio l’integrazione tra Google+ e la celebre piattaforma di video sharing.

Nello specifico ci si riferisce ad un video pubblicato dalla cantante Emma Blackery con il quale, attraverso una canzone, si chiede in toni piuttosto aspri il ritorno al tradizionale sistema di commenti. Un utente, firmatosi regolarmente con nome e cognome, ha reiterato per ben 85 volte un aggettivo offensivo evidenziando indirettamente come i filtri anti-spam del nuovo sistema di commenti YouTube necessiti tuttora di correzioni ed aggiustamenti.

Come se non bastasse, il nuovo sistema di commenti ideato da Google per YouTube continua a generare numerose polemiche per il fatto che i contenuti UGC (User Generated Content) meno polemici, e quindi contraddistinti da un minore tasso di engagement, sembrano spinti verso il basso a scapito di quelli più accesi che, invece, si registrano costantemente tra le posizioni più alte.

Com’era intuibile aspettarsi, sono proprio i titolari di canali YouTube i più aspri contestatori del nuovo sistema di commenti poiché esso mette potenzialmente a rischio gli introiti pubblicitari derivanti dalla pubblicazione di contenuti originali.

Ora, indipendentemente dalle necessarie migliorie tecniche che dovranno essere implementate da Google al nuovo sistema di commenti, ciò che in questa sede più conta comprendere riguarda le eventuali implicazioni che tali modifiche potrebbero avere nei confronti della strategie distributive e promozionali degli operatori turistici, grandi e piccoli, che con Google+YouTube realizzano quotidianamente.

A noi del blog Turismo Uninform, da sempre acerrimi nemici dell’anonimato, in particolar modo delle recensioni e dei commenti ed opinioni in generale,  pare proprio che Google sia sulla buona strada e che soltanto un atteggiamento di questo tipo, orientato sempre di più alla trasparenza ed alla genuinità dei contenuti UGC (User Generated Content), non potrà che portare enormi benefici in termini di qualità ed autorevolezza all’intero comparto turistico.

E tu, cosa ne pensi del nuovo sistema di commenti ideato da Google per la sua piattaforma di video sharing YouTube? Quali scenari intravedi sul fronte delle strategie distributive e promozionali per quegli operatori turistici che si affidano anche a YouTube e a Google+ per le loro attività di comunicazione e dialogo nei confronti della propria clientela? In che modo prevedi che reagiranno i grandi Social Network come Facebook,Twitter, Instagram, Pinterest, Linkedin, Foursquare, ecc.?

Che tu sia un operatore turistico di lungo corso o un fervido ed entusiasta appassionato di Travel 2.0, distribuzione online, motori di ricerca, Web Marketing, tecnologie Mobile, Social Media e Turismo in generale, raccontaci pure la tua testimonianza in presa diretta e condividila immediatamente con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai libera voce alle tue opinioni segnalandoci puntualmente tutti i tuoi consigli, i tuoi suggerimenti, le tue raccomandazioni e quelle che ritieni essere le più efficaci best practice di riferimento. Sarà per noi del blog Turismo Uninform un vero ed autentico piacere poterne parlare insieme ed approfondire, così, il dibattito dedicato al futuro dei Social Media applicati al Turismo.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa