Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo e compagnie aeree: un mercato sempre più low cost



Turismo e compagnie aeree: un mercato sempre più low cost

Quest’estate 2012 inizia all’insegna di un’intensa fibrillazione sul fronte delle compagnie aeree ed il blog Turismo Uninform, da sempre incline all’analisi dei nuovi trend di mercato e dell’ingresso di nuovi soggetti turistici all’interno della grande filiera distributiva nazionale ed internazionale, non poteva esimersi dal condividere con tutti gli affezionati e numerosi lettori le ultime novità del settore.

Nello specifico, infatti, tutti gli operatori turistici, siano essi hotel, B&B,agriturismo, compagnie di crociere, villaggi turistici, vettori ferroviari,DMC (Destinationa Management Company), Tour Operator, OTA (Online Travel Agency), ecc. stanno seguendo con attenzione, ed allo stesso tempo apprensione, le vicende  che in questi ultimi giorni stanno interessando compagnie aeree low cost e di bandiera del calibro di Ryanair ed Alitalia, rispettivamente.

Partiamo dalla famosissima e celebre compagnia aerea irlandese Ryanair, uno degli esempi più illustri e noti sul mercato europeo dei voli low cost. Dopo il fallimento dei due precedenti tentativi di rilevare la maggioranza delle azioni di Aer Lingus, l’azienda di Michael O’Leary ha recentemente ufficializzato una nuova offerta con la quale propone l’acquisto di azioni ad un prezzo pari ad 1,30 euro ognuna, sostanzialmente quasi il 40% in più rispetto al reale valore di mercato, per superare la soglia del 50 per cento dell’azionariato.

In merito a questa vicenda, il blog Turismo Uninform desidera sottolineare il fatto che nelle scorse settimane Ryanair aveva cercato di vendere le proprie quote di azioni e la decisione di lanciare ora una nuova offerta di acquisto è stata accolta con sorpresa da tutti gli operatori turistici.

Micheal O’Leary, CEO della compagnia aerea low cost, ha dichiarato che “questa offerta rappresenta una significativa opportunità per combinare Ryanair e Aer Lingus con la possibilità di formare un gruppo forte a livello nazionale, in grado di competere con i maggiori vettori aerei del Vecchio Continente”.

Ad ogni buon modo, l’operazione auspicata da O’Leary dovrà comunque passare al vaglio dell’Antitrust poiché l’eventuale joint venture tra le due compagnie aeree affiderebbe ad un unico soggetto il controllo dell’80% del traffico aereo tra Irlanda e Gran Bretagna.

Nel frattempo, anche in Italia il traffico aereo è oggetto di un’ampia discussione tra gli operatori turistici a causa delle scelte recentemente intraprese da Alitalia, la compagnia aerea di bandiera nazionale, che in molti hanno etichettato come una vera e propria rivoluzione commerciale e tariffaria con la quale aggredire nuovamente il mercato dei voli.

Il nuovo progetto, che è stato presentato agli azionisti, ai clienti ed ai fornitori nella giornata di ieri in occasione dell’Alitalia Day 2012 tenutosi presso la Palazzina della Magliana di Roma Fiumicino, è particolarmente articolato e complesso tanto da interessare simultaneamente il pricing della compagnia aerea, operazioni distributive e promozionali orientate al trade, nuove strategie sulla rotta Roma – Milano ed ovviamente il pareggio di bilancio, previsto però per il 2013.

Andrea Ragnetti, Amministratore Delegato della compagnia aerea italiana, ha dichiarato che ”raggiungeremo l’utile che Alitalia non è riuscita ad ottenere negli ultimi 15-20 anni. E lo faremo grazie a una nuova impostazione commerciale e tariffaria in particolare per la tratta Roma – Milano: tariffe semplici, trasparenti, prezzi fissi”.

Ironico Roberto Colaninno, Presidente Alitalia, che rivolgendosi ai vettori aerei low cost afferma “faremo venire loro un po’ di acidità di stomaco”. Lo stesso Colaninno, poi, continua affermando che “vogliamo batterli e raggiungere nuovi clienti.  Di più, vogliamo raddoppiare o triplicare levendite”.

Insomma, si preannuncia un’estate davvero calda sul fronte delle compagnie aeree e come sempre, il blog Turismo Uninform garantirà ai propri lettori la consueta puntualità ed il massimo impegno sui futuri aggiornamenti delle vicende Alitalia e Ryanair.

E tu, cosa ne pensi delle recenti novità all’interno del mercato aereo? Come potrebbero mutare gli equilibri nazionale ed internazionali alla luce delle scelte strategiche intraprese da Alitalia e Ryanair? Quali implicazioni reali prevedi sul fronte distributivo e promozionale?

Che tu sia un operatore turistico di lungo corso o un appassionato di compagnie aeree, Revenue Management, distribuzione online e tradizionale e Turismo in generale, raccontaci la tua testimonianza professionale e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai voce alle tue opinioni segnalandoci ogni volta i tuoi consigli, i tuoi suggerimenti e le tue raccomandazioni. Saremo lieti di parlarne diffusamente e promuovere un nuovo dibattito dedicato al futuro delle compagnie aeree low cost e dei vettori aerei tradizionali.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa