Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Turismo crocieristico: un mercato strategico in ripresa



Turismo crocieristico: un mercato strategico in ripresa

Questi ultimi due giorni sono stati caratterizzati da una serie di eventi piuttosto significativi per il mercato delle crociere ed il blog Turismo Uninform non poteva certamente esimersi dal condividere questi avvenimenti con tutti gli appassionati e sempre più numerosi lettori e dal discuterne insieme nel tentativo di intravedere i possibili scenari futuri sia per quanto riguarda la promozione del comparto che la distribuzione dei prodotti ad essa connessi.

 

E’, infatti, di appena poche ore fa la notizia del sequestro della Triumph, una delle navi da crociera appartenente a Carnival, il celebre gruppo crocieristico statunitense e leader di mercato mondiale. Avvenuto nel porto di Galveston, in Texas, il sequestro rappresenta una misura cautelativa a tutela del risarcimento chiesto da una famiglia tedesca per i fatti verificatesi lo scorso 13 Gennaio 2012 di fronte all’Isola del Giglio.

 

Una manciata di ore prima, poi, anche Royal Caribbean, il secondo gruppo crocieristico al mondo, ha catalizzato l’attenzione degli addetti ai lavori a causa di un incendio divampato a bordo della nave da crociera Azamara Quest che si trovava in navigazione nelle acque delle Filippine. L’incidente in questione, che fortunatamente non ha fatto registrare alcuna vittima tra i passeggeri imbarcati, ha causato l’avaria di uno dei motori della nave rendendo, così, necessario l’intervento di un rimorchiatore.

 

Un anno, questo in corso, che continua ad essere contrassegnato da circostanze non proprio favorevoli per il comparto crocieristico, ma che fino a pochissimi mesi fa, invece, ha vissuto una stagione di crescita inarrestabile e di continua progressione.

 

Ed è anche di questo che si è discusso alla sedicesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo (BMT) di Napoli, un evento fieristico di riferimento per gli operatori turistici e che rappresenta il punto d’incontro tra la domanda e l’offerta professionale del Turismo mediterraneo.

 

Del resto, i numeri di questa sedicesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo (BMT) di Napoli sono davvero significativi grazie non solo ai ventidue Paesi partecipanti ed agli oltre quattrocento espositori e “buyer” presenti in fiera, ma anche per la presenza del consiglio della Federazione mondiale delle associazioni di promozione turistica, di Astoi (l’associazione dei Tour Operator italiani)  e di Adutei.

 

Tra i principali attori del Turismo crocieristico presenti alla sedicesimaBorsa Mediterranea del Turismo (BMT) di Napoli, il blog Turismo Uninform desidera segnalare Costa Crociere, MSC Crociere, Royal Caribbean, Carnival Cruise Line, Windstar Cruises, NTV, Grimaldi Lines, ecc.

 

Come ci si aspettava, quindi, sono state numerose le riflessioni sul comparto crocieristico, non solo alla luce delle vicende del Giglio, così come copiose sono state le analisi e le interpretazioni su questo primo trimestre dell’anno.

 

Leonardo Massa, Country Manager per l’Italia in forza a MSC Crociere, ha dichiarato che “l’andamento dell’industria crocieristica, da gennaio in poi, ha vissuto momenti di grande apprensione, ma non abbiamo avuto flessioni. E’ però cresciuto il last minute”.

 

In un contesto in cui le curve di prenotazione si sono gradualmente spostata dall’advanced booking, modalità di prenotazione tipica dei crocieristi, al last minute, è un fenomeno che lo stesso Massa afferma essere “stato accentuato dai fatti del Giglio, questo è innegabile, ma era già iniziato lo scorso anno”.

Ma Leonardo Massa si spinge addirittura oltre nella sua analisi e dichiara che “è chiaro che in tempi di crisi l’attenzione alla spesa è più alta ed è così da un pezzo ormai. Non abbiamo avuto flessioni, c’è stato solo uno shift, uno spostamento delle prenotazioni. Ovviamente il consuntivo mi darà torto o ragione a fine anno, ma posso dire che il sentiment del comparto è positivo”.

 

Nelle parole di Leonardo Massa, poi, si intravede la voglia di tornare a parlare di crescita tanto che dichiara che “negli ultimi dieci anni la progressione delle crociere è stata, mentre il numero dei turisti ha subito delle flessioni. Questo vuol dire che abbiamo sottratto pubblico ad altre forme di vacanza, una strada che possiamo ancora perseguire: dati cento vacanzieri in Italia e in Europa il numero che sceglie una crociera è fermo al due o tre per cento. Abbiamo ancora molto da fare”.

 

 

E nel frattempo Costa Crociere riprende gli incontri con la distribuzione e lo fa partendo dal bacino del Centro-Sud del Paese, da sempre un’area particolarmente importante per il business della compagnia di crociere.

 

E proprio in questa area Costa Crociere nel tempo ha incrementato i punti di approdo degli itinerari proposti “sia per chi sceglie la formula fly & cruise – sottolinea Andrea Tavella, Direttore Commerciale e Marketing per Costa Crociere -, sia per chi vuole partire imbarcandosi direttamente su una delle nostre navi per una crociera nel Mediterraneo: Ancona, Bari, Cagliari, Capri, Catania, Civitavecchia, Olbia, Napoli e Palermo sono tutti nostri porti di imbarco“.

 

 

Insomma, i prossimi mesi rappresenteranno per l’industria crocieristica un vero e proprio banco di prova con il quale confrontarsi e testare l’efficacia delle proprie strategie distributive e promozionali. L’auspicio del blog Turismo Uninform è che l’intero comparto possa ripartire agevolmente dando così nuovamente fiato ad un mercato, quello delle vacanze, sempre più strategico e fondamentale per l’intera economia nazionale.

 

E tu, cosa ne pensi del valore strategico dell’industria crocieristica per il sistema Turismo Italia? Ritieni che ci siano tutti i presupposti per una buona ripartenza delle crociere durante i mesi primaverili ed estivi? Quali scenari intravedi per la distribuzione nel breve e medio periodo? Pensi che i prossimi mesi potranno essere condizionati da una maggiore immissione di offerte e partenze last minute nel tentativo di stimolare la domanda crocieristica o, in generale, è più plausibile pensare ad un diffuso e generalizzato abbattimento dei prezzi?

 

Che tu sia un operatore turistico professionista o un fervido appassionato di crociere, distribuzione, online e tradizionale, e Turismo in generale, raccontaci la tua testimonianza diretta e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

 

Pubblica un tuo commento sul blog e segnalaci i tuoi suggerimenti, le tue opinioni, i tuoi consigli e le tue raccomandazioni per uno sviluppo più efficace dell’intera industria crocieristica. Saremo lieti di discuterne insieme e a pubblicare ulteriori approfondimenti.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa