Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Online Travel Agency: un modello da seguire per il Turismo



Online Travel Agency: un modello da seguire per il Turismo

Quest’oggi la redazione del blog Turismo Uninform vuole condividere con i propri lettori i dati e le riflessioni emerse al “WorkShow” di Besteam, tenutosi il 7 giugno a Milano presso il Marriott Hotel.

L’opinion leader Giancarlo Carniani, di ritorno da Dublino per laPhoCusWright Europe Conference del 19 Maggio scorso, ha illustrato idati sul turismo online dal 2008 al 2013.[//[

Nello specifico, il mercato turistico vale 330 miliardi di dollari, con gli Stati Uniti che, da soli, “macinano” 305 miliardi circa. Lo scenario è fortemente conteso dalle OTA (Online Travel Agency). Queste ultime, infatti, crescono esponenzialmente, ma i mediatori tradizionali, ovvero offline, reggono il confronto.

La partita per la mediazione turistica, in Europa, è aperta. L’anglo tedescoTUI, big dell’intermediazione turistica offline dell’holiday world, ha fatturato, nel periodo di riferimento, tra i dieci ed i dodici miliardi di euro.Booking.com ha fatturato di più. Circa 16 miliardi di euro. Expedia vale, però, solo la metà del fatturato di TUI mentre Thomas Cook supera di circa tre miliardi il fatturato del diretto concorrente online, Odigeo, che si ferma a quattro. Infine Kuoni, che porta alla squadra della mediazione turistica offline, altri due miliardi di euro.

Quest’anno si stima che il mercato crescerà del 5% e, secondo quanto emerso dall’assise del WorkShow, il Mobile Commerce genererà il 20% deibooking online. In questo scenario bisognerà tenere ben presente che il nostro paese si colloca ai primissimi posti nella classifica, guidata dagli Stati Uniti, degli utilizzatori mondiali di smartphone e tablet che, pur costituendo il 31% del mercato, generano circa l’80% delle vendite in mobilità.

Vi è un grande margine per il settore della mediazione turistica, che dovrà, per reggere l’impatto delle OTA, utilizzare le medesime tecnologie, Mobilein primis. Secondo Giovanna Manzi, ceo BW Italia, intervenuta nel dibattito, la mediazione, indispensabile al comparto turistico, deve inseguire le OTA sul proprio terreno. Booking.com ed Expedia, infatti, altro non sono che moderni e tecnologici mediatori turistici online, che devono essere approcciati con un corretto marketing mix.

Davanti ad una platea, spesso ostile alle OTA, a torto viste come il male contemporaneo della mediazione turistica tradizionale, Tripadvisor eKayak non hanno mancato di sottolineare, da parte loro, come la reputazione, l’immagine di un fornitore di servizi di hospitality, sia oggi fondamentale per la rete e come la rete stessa sia strumento strategico per la costruzione di quella reputazione.

I grandi margini di crescita e di guadagno legati al mondo dei viaggi e dellevacanze, in particolar modo per quanto riguarda il Mobile Commerce e levendite online in generale, certamente costituiranno uno straordinario stimolo per una sistemica riflessione dell’intero comparto turistico.

Sarà possibile la quadratura del cerchio? Riuscirà la mediazione turisticatradizionale ad interagire in maniera virtuosa con l’universo delle OTA? Tu cosa ne pensi? Quale strategia adottare per guadagnare spazi in un mercato che, nonostante la crisi, riserva quote di crescita importanti?

Che tu sia un operatore turistico professionista o un appassionato ditecnologie MobileDigital MarketingWeb Marketing, Travel 2.0,distribuzione onlinemotori di ricercameta-searchSocial Media eTurismo in generale, raccontaci pure la tua testimonianza in presa diretta e condividila immediatamente con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai voce alle tue opinioni preoccupandoti, però, di segnalarci puntualmente tutti i tuoi suggerimenti, i tuoi consigli, le tue raccomandazioni e tutte quelle che ritieni essere le più efficaci best practice di riferimento. Sarà per noi del blog Turismo Uninform un autentico piacere poterne parlare diffusamente insieme ed approfondire, così, il dibattito dedicato al futuro delle tecnologie Mobile applicate al comparto turistico e delle vendite online legate al mondo dei viaggi e delle vacanze.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa