Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Generazione Millennials: sempre più giovani sognano il turismo



Generazione Millennials: sempre più giovani sognano il turismo

Il turismo attrae sempre più i Millennials.

Sicuramente la passione per i viaggi fa la sua parte in questa scelta, oppure è l’idea di lavorare a contatto con la gente a stuzzicarli.

Una cosa è certa, questo ambito professionale sta dando ottime opportunità alla generazione dei Millennials, grazie alle nuove formule introdotte dalla sharing economy, che permette di diventare micro-imprenditori in breve tempo e senza troppi impedimenti.

I dati raccolti da CornerJob, leader nel settore della ricerca di lavoro attraverso dispositivi mobili, confermano questa attuale tendenza. Il turismo è risultato il secondo settore più dinamico sulla piattaforma, dietro all’immobiliare e i Millennials rivestono al suo interno un ruolo da protagonisti, sia come startupper legati alla sharing economy sia come lavoratori dipendenti.

In media, chi progetta un percorso professionale nel settore del turismo ha un’età inferiore rispetto agli altri settori. Su CornerJob parliamo, infatti, di giovani intorno ai 20 anni (il 40%), che hanno appena terminato gli studi superiori (il 55,6%) e ai primi passi verso l’ingresso nel mondo del lavoro.

Per quanto riguarda le ricerche effettuate, al primo posto ci sono le posizioni di front/back office (oltre il 40%); seguono quelle relative a professioni più direttamente collegate all’intrattenimento (DJ, animatori, coreografi, fotografi e altro ancora). Le stesse su cui punta maggiormente la ricerca da parte delle aziende appartenenti all’ambito dell’hotellerie, specialmente in questo periodo, in cui si stanno per aprire le porte alla stagione estiva.

Quest’ultimo è un altro fattore significativo, che dice molto sul turismo italiano. Ci riferiamo alla componente stagionale, che riveste in Italia un ruolo ancora molto forte rispetto alle altre realtà europee. I primi tre mesi dell’anno, in cui gli operatori sono in fase di organizzazione della stagione estiva, sono quelli in cui si registrano i maggiori movimenti nel settore (oltre il il 57% delle ricerche).

Infine le aree geografiche più attive. Tra le Regioni più dinamiche, appaiono ai primi posti quelle che oltre a essere destinazioni turistiche ospitano anche le sedi dei principali operatori nazionali e internazionali, pubblici e privati, prime fra tutte il Lazio e la Lombardia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa