Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Milano Expo 2015: la meta più desiderata dell’anno



Milano Expo 2015: la meta più desiderata dell’anno

Ormai ci siamo quasi. Tra poco più di due mesi Milano apre all’evento dell’anno. Dal 1 maggio al 31 ottobre, Expo diventerà la meta di milioni di visitatori. E non è un iperbole. Le stime prevedono venti milioni di presenze. E potrebbe, davvero essere Milano la meta più visitata dell’anno, al mondo.

L’impatto dell’evento sul mondo alberghiero, non solo milanese, è di tutta evidenza. E Trivago, con il suo Osservatorio, ha naturalmente sviluppato una attenta analisi, i cui dati sono stati diffusi alla BIT.

Sono i francesi, per il momento, i più interessati all’Esposizione Internazionale. Il mercato dei cugini d’oltralpe sta mostrando un interesse quasi spasmodico verso Milano, cresciuto del ben 184%.

Lo ha rivelato alla BIT, Giulia Eremita, Marketing Manager di Trivago Italia. La febbre francese per la Lombardia è iniziata a salire già dai primi giorni di gennaio. La capitale meneghina ha registrato un aumento del suo appeal rispetto alle altre città italiane del 44%. Durante la prima settimana dell’evento, quella compresa cioè tra il primo e l’8 maggio, si calcola già un’occupazione alberghiera della città della Madonnina del 45%.

Beneficeranno del fattore Expo anche i grandi aggregati urbani nei pressi di Milano, naturalmente.

E infatti, nel medesimo periodo, Rozzano già registra una disponibilità residua del solo 25% dei posti letto utili mentre le prenotazioni per Lodi e Sesto San Giovanni, hanno impegnato circa il 50% delle strutture ricettive disponibili.

In Europa aumentano sensibilmente le ricerche su Trivago di alberghi ed hotel milanesi ed in genere lombardi, in Belgio, del 57 %, in Inghilterra del 29% e, per il momento, “solo” del più 12% tra i potenziali visitatori spagnoli e del più 8% tra i viaggiatori olandesi.

I tedeschi, invece, aspettano probabilmente tariffe più abbordabili, rispetto a quelle che Trivago ha registrato per la prima settimana dell’evento. E questo è un dato che deve sicuramente far riflettere gli operatori dell’hospitality.

Le tariffe, almeno quelle che i visitatori pagheranno durante la settimana di apertura dell’Esposizione Internazionale, sono esattamente raddoppiate rispetto all’anno precedente, traducendosi in un costo medio, per camera doppia, non inferiore a 266 euro. Centesimo più, centesimo meno.

Insomma, l’occasione per il comparto alberghiero lombardo e per l’indotto è veramente ghiotta e la redazione del Blog Turismo Uninform, non può perderla, per invitare gli operatori del settore dell’hospitality a sfruttarla al meglio.

Ogni gestore di hotel o albergo direttamente ed indirettamente interessato all’evento, potrà approntare una idonea strategia di marketing mirata su Expo 2015.

Pubblicare contenuti dedicati sull’home page del sito aziendale, per esempio, potrebbe essere un buon inizio. Fornire le info dell’evento utili al potenziale ospite come orari, iniziative, servizi di biglietteria, magari non solo in inglese, ma anche in francese e tedesco una scelta quasi obbligata, per l’albergatore che voglia cavalcare l’onda lunga di Expo.

Le iniziative utili ad aumentare il ritorno in termini di guadagno e di immagine per una struttura ricettiva che voglia intercettare l’aumento di domanda, potrebbero davvero essere svariate, dalla creazione di contest  alla messa in palio, mediante concorsi online, di biglietti o promozioni originali. O ancora, in linea con il tema dell’Esposizione Internazionale, che come noto è –Nutrire il Pianeta-Energia per la Vita– mettere a punto un’offerta gastronomica suggestiva.

Certamente ogni albergatore saprà dare forma alla sua inventiva e fantasia ed alla redazione del Blog Turismo Uninform, non resta che ricordare, ove ce ne fosse bisogno, l’importanza delle regole base del Revenue Management. Partire da tariffe troppo alte, può essere rischioso perché si potrebbe essere costretti ad abbassarle qualora non dovessero concretizzarsi le prenotazioni sperate. Per cui vale sempre la regola che è  meglio partire da tariffe abbordabili per procedere gradualmente al rialzo delle stesse. E voi cosa ne pensate? Quali sono le strategie che metterete in campo per Expo 2015?

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa