Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

L’importanza della brand reputation



L’importanza della brand reputation

Gli impatti della brand reputation per gli hotel

Godere di una buona reputazione è certamente vantaggioso in ogni ambito e nel settore turistico,  il vantaggio è concretamente quantificabile. Ilfocus di oggi della redazione del Blog Turismo Uninform, sarà per l’appunto incentrato sui dati che emergono da un recentissimo studio in merito alle potenzialità di una solida brand reputation nel settore dell’ hotellerie.

Una buona reputazione del marchio si traduce in una netta propensione del turista/viaggiatore a sostenere i costi di tariffe maggiori.

Già nel 2012 la Cornell University riuscì ad evidenziare come, anche un solo punto in più nella classifica del gradimento degli utenti delle strutture ricettive, poteva determinare un incremento della possibilità di essere preferiti rispetto alla concorrenza meno recensita del ben 13,5%, mentre la possibilità per gli hotel e gli alberghi, più graditi agli utenti di aumentare le proprie tariffe, saliva di otto punti percentuali.

Nel 2013 poi, Trivago nell’ambito della ricerca “Reputation e Revenue” presentata nell’annuale BTO,ha ulteriormente evidenziato lo stretto e quasi intimo rapporto, tra la reputazione della struttura ricettiva e lapolitica tariffaria applicabile.

TrustYou, se ancora ce ne fosse stato bisogno, ha, nell’anno in corso, confermato i dati sino a qui esposti. Ed ecco nel dettaglio i risultati e la metodologia seguita nell’analisi denominata “The Effect of Reviews on hotel Conversion Rates and Pricing”, sviluppata dall’importante player turistico.

Cinquecento viaggiatori, con un reddito intorno ai 63.000 dollari, sono stati intervistati e invitati ad indicare l’hotel o l’albergo che avrebbero preferito, in una simulazione di prenotazione online su motori di ricerca specializzati. Lo scelta cui sono stati chiamati i partecipanti si articolava ogni volta fra tre hotel, che su una scala 1-100, presentavano un punteggio compreso tra 80 e 100, nel gradimento degli utenti, con tariffe comprese tra 100 e 120 dollari per pernottamento .Gli utenti avrebbero potuto scegliere solo uno o nessuno, tra gli hotel presentati.

 Si è quindi potuto osservare che a parità di prezzo, il 60% preferiva lestrutture ricettive con il punteggio più alto nel gradimento degli utenti. Aumentando successivamente le tariffe degli alberghi con la migliorebrand reputation, si è osservato che una significativa percentuale diviaggiatori, compresa tra il 37 e il 47%, ha continuato a preferirli rispetto alle strutture con prezzi e reputazione più bassi. Quando però la differenza di tariffe si è assestata intorno al 20%, circa il 62% dei partecipanti allo studio, si è orientata verso gli alberghi con costi e reputazione minori.

Nella seconda fase dello studio, si è poi chiesto ai partecipanti se  fossero stati disposti a spendere di più per un albergo con migliori recensioni e quanto di più.

Il 76% dei viaggiatori interessati dal sondaggio ha affermato di essere disposto a sostenere i costi di tariffe maggiori per strutture ricettive che godono del favore delle recensioni degli utenti e quindi di una solidabrand reputation.

Per oltre il 50% degli intervistati, un albergo con un gradimento di 5 punti percentuali in più rispetto alla media delle preferenze, vale il pagamento di tariffe mediamente superiori del 5-14%

Le recensioni dell’offerta turistica e in particolare di quella ricettiva, giocano un ruolo sempre più determinante nei processi di acquisto del prodotto turistico.

Noi della redazione del Blog Turismo Uninform, riteniamo fondamentale per il successo commerciale di una azienda turistica in genere e di unastruttura ricettiva in particolare, il buon posizionamento del brand nella classifica di gradimento degli utenti e nella generale percezione dellareputazione dell’operatore turistico/alberghiero.

 Quali potrebbero essere le strategie per migliorare la percezione del marchio e quali gli effetti collaterali legati alle recensioni che sempre più spesso i viaggiatori consultano prima di effettuare una prenotazione?

Facci conoscere il tuo parere in proposito o la tua personale esperienza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa