Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

La distribuzione Online ed i Social Media



I Social Media come opportunità di business

Ieri sera, dopo una lunga giornata di lavoro, mi sono messo a curiosare nella rete. Dopo aver letto gli ultimi post dei blog che seguo quotidianamente, mi sono imbattuto in una notizia molto interessante.

Leggo infatti che, stando ai dati rilevati da Nielsen-Online il 9 marzo scorso e pubblicati nello studio intitolato “Global Faces and Networked Places“, i Social Media ed i Blogs raggiungono il 4° posto nella classifica delle attività più popolari in rete. Coinvolto dalla lettura, la mia curiosità viene ulteriormente sollecitata dal dato relativo al tempo impiegato dagli utenti nella navigazione di questa tipologia di siti: Nielsen registra infatti un incremento di tre volte superiore rispetto al tasso di crescita globale della rete tanto da occupare il 10% del tempo totale passato in Internet.

Ora, al di là delle dimensioni assunte da questo fenomeno – ricordiamo che nella sola Italia Nielsen ha rilevato nell’ultimo anno un aumento del tempo medio dedicato a Blogs e Social Media pari al 113% – è bene a mio avviso sottolineare l’enorme potenziale che questo canale è in grado di esprimere per il comparto turistico.

Oramai visitati da oltre due terzi dell’intera popolazione online, i siti di Social Media, i Blogs e gli UGC (User Generated Contents) offrono infatti l’incredibile possibilità di rendere visibile, accessibile e consultabile, a costi estremamente contenuti, il proprio prodotto, qualunque esso sia, ad una vastissima platea di utenti potenzialmente interessati alla valutazione, se non all’acquisto, dell’offerta proposta. Non solo, veicolando l’interesse degli utenti sul proprio sito, è possibile poi controllare maggiormente, e in taluni casi abbattere notevolmente, i costi di intermediazione richiesti (o imposti indirettamente) dagli IDS (Internet Distribution Systems) ed aumentare quindi la propria marginalità.

Nasce, quindi, un nuovo modello distributivo dalle potenzialità tendenzialmente infinite ed applicabile ad ogni realtà turistica ma che al tempo stesso esige estrema cautela e professionalità nelle strategie di posizionamento, advertisinge modalità distributive.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa