Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Il valore delle recensioni online secondo Google



Il valore delle recensioni online secondo Google

Appena due settimane fa la Redazione del blog Turismo Uninform si è occupata per l’ennesima volta della spinosa vicenda delle false recensioni online, un fenomeno che sempre più si sta estendo a tutti i diversi segmenti delcomparto turistico, dagli hotel, ai voli, dalle crociere ai villaggi turistici, dagli agriturismo ai B&B e così via.

Ebbene quest’oggi il blog Turismo Uninform torna nuovamente ad occuparsi delle recensioni online ma questa volta lo fa da una prospettiva diversa provando a condividere con tutti gli affezionati e sempre più numerosi lettori le ultimissime novità che provengono da Mountain View, il gigante dei motori di ricerca, Google.

Per chi segue le vicende del blog Turismo Uninform e, più in generale, quelle della distribuzione online e del Travel 2.0, saprà certamente che Big G non ha mai dimostrato realmente un vero e proprio interesse nei confronti della veridicità delle recensioni online, ma qualcosa è improvvisamente cambiato.

Del resto, è inutile negarlo, le recensioni online hanno oramai acquisito un peso particolarmente rilevante non solo per quanto riguarda la reputazione di un determinato Brand turistico o di una specifica struttura ricettiva, ma anche, e soprattutto, per la capacità di condizionamento che esse dimostrano nei confronti delle vendite e delle marginalità che un singoloprodotto e/o servizio turistico è in grado di determinare.

In quest’ottica, anche a fronte del lancio relativo alle nuove pagine diGoogle+ Local e dell’acquisto di Zagat, Google ha recentemente ribadito con un post all’interno del proprio forum ufficiale la sua posizione nei confronti delle false recensioni online con la quale si scoraggia fermamente qualsivoglia pratica scorretta in tal senso.

Con questa mossa, quindi, Google prosegue con la sua Social Strategyintroducendo in questo ambito un nuovo algoritmo con il quale non solo intercettare le false recensioni online, ma allo stesso tempo rendere disponibili contenuti UGC (User Generated Content) autentici su ogni profilo Google+.

Stando a ciò che si legge nel forum ufficiale di Google, sono stato introdotti notevoli miglioramenti per ciò che riguarda l’algoritmo di “spam detection” con il quale è stato possibile incrementare i volumi direcensioni presenti su determinate pagine di Google+ tanto che si legge quanto segue: ”speriamo che questo permetta di migliorare l’esperienza alivello local. Per proteggere sia i proprietari delle attività che i clienti dallo spam, abbiamo attivato dei sistemi che possono rimuovere le singolerecensioni”.

Proseguendo nella lettura del post, Google fornisce una serie di indicazioni, o se preferite delle vere e proprie linee guida, piuttosto dettagliate per evitare la cancellazione delle proprie recensioni e che il blog Turismo Uninform desidera condividere con tutti voi.

Sulla falsariga di TripAdvisor, tra i suggerimenti di Google in primo piano compare l’esplicito divieto di offrire denaro e/o prodotti di diverso tipo, un’attività finalizzata a stimolare la pubblicazione di una recensione positiva o, alternativamente, una recensione negativa nei confronti deicompetitor.

Un’ulteriore indicazione che Google rivolge agli albergatori riguarda lepostazioni Internet deputate al rilascio delle recensioni quando la Clientela si trova ancora a soggiornare nella struttura ricettiva, un’attività riscontrabile tramite l’indirizzo IP ed assolutamente non tollerata da Big G.

Bandite nel modo più assoluto anche le recensioni redatte ad arte da società che si occupano di SEO (Search Engine Optimization) e/oreputazione online, una pratica non solo scorretta dal punto di vista etico, ma addirittura un vero e proprio reato.

Per limitare ulteriormente il fenomeno delle recensioni online, il nuovo algoritmo messo a punto da Google vieta agli albergatori o ai loro dipendenti la pubblicazione di contenuti UGC (User Generated Content) relativamente all’azienda per cui prestano la propria opera professionale.

Massima allerta anche per le cosiddette recensioni digitalizzate, ovvero quelle recensioni rilasciate dalla clientela per iscritto e che qualchealbergatore potrebbe essere tentato dal renderle disponibili online, praticamente ovviamente “bannata” da Google.

Insomma, sembra proprio che il più grande motore di ricerca al mondo stia rivolgendo un’attenzione crescente nei confronti delle recensioni online e della loro autenticità. Un’opportunità in più per tutti gli albergatori e glioperatori turistici di dare un reale valore aggiunto ai propri prodotti ed ai propri servizi turistici.

E tu, cosa ne pensi della discesa in campo di Google in merito allerecensioni online? Ritieni che il motore di ricerca di Mountain View sia realmente in grado di competer con giganti del calibro di TripAdvisor eZoover per quanto riguarda il controllo dei contenuti UGC (User Generated Content)? E in tutto questo, quale ruolo giocheranno gli albergatori? Qualistrategie distributive e promozionali intravedi sul fronte delladistribuzione online da parte di player di calibro internazionale come leOTA (Online Travel Agency)?

Che tu sia un operatore turistico di lungo corso o un appassionato di Social Media, distribuzione online, Travel 2.0, Web Marketing, motori di ricerca e Turismo in generale, raccontaci la tua testimonianza in presa diretta e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai immediatamente voce alle tue opinioni segnalandoci di volta in volta tutti i tuoi suggerimenti, i tuoi consigli, le tue raccomandazioni e quelle che ritieni essere le più efficaci best practice di riferimento. Ne discuteremo insieme ed approfondiremo, così, il dibattito dedicato al futuro del Travel 2.0 e della distribuzione online.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa