Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Il Turismo online e le case vacanza



Il Turismo online e le case vacanza

Il perdurare della grave crisi economica internazionale da un lato e, dall’altro, il continuo evolversi delle nuove tecnologieMobile e Social Media in primis – stanno profondamente condizionando le logiche della distribuzione online tanto che lo scenario del Turismo online continua a registrare regolarmente, e con un ritmo particolarmente vertiginoso, una novità dopo l’altra.

 

Alla luce di queste brevissima considerazione preliminare, il blog Turismo Uninform desidera quest’oggi condividere con tutti gli appassionati e sempre più numerosi lettori una delle tendenze di maggior impatto per ilTravel 2.0,  ovvero il passaggio dalle camere d’hotel alle case vacanzae/o agli appartamenti.

 

Del resto, non è certamente un mistero che proprio le difficoltà economiche introdotte dalla recente crisi economica abbiano favorito la nascita direaltà distributive online del calibro di AirBnB, Homeaway e FlipKey la cui offerta è in grado di intercettare un’utenza di viaggiatori alla ricerca disoluzioni di soggiorno alternative e decisamente più economiche rispetto alla tradizionale offerta alberghiera.

 

Il nuovo trend di consumo non è certamente passato inosservato nemmeno alle grandi OTA (Online Travel Agency) tanto che sono già diverse le realtà intermediatrici online che hanno cominciato ad inserire all’interno del proprio portfolio di prodotti turistici anche le case vacanze e gli appartamenti.

 

Ed infatti, stando ad un recente articolo di Dennis Schaal, figura di spicco inambito turistico online, la celebre OTA (Online Travel Agency) statunitense nota al grande pubblico con il nome di Priceline starebbe muovendosi esattamente in questa direzione tramite la sua controllataBooking.com. Del resto sono già numerosissime le alternative di soggiornoagli hotel tradizionali presenti su questo canale distributivo e verosimilmente Booking.com potrebbe di fatto diventare un vero e propriointermediario online di case vacanze e configurarsi come competitor diretto dei maggiori siti web specializzati in case vacanze e appartamenti.

 

Come se non bastasse, poi, tra le strutture ricettive presenti suBooking.com farebbero la loro comparsa non solo parte delle proprietà diInterhome, nota agenzia online che gestisce un portfolio di ben 32.000alternative di soggiorno, ma anche Guest House e case vacanzeappartenenti a proprietari indipendenti.

 

L’ articolo di Schaal prosegue poi ponendo l’accento sulla potenziale difficoltà di gestione che una serie di prodotti turistici, le case vacanza e gli appartamenti appunto, potrebbero procurare all’interfaccia di prenotazione di Booking.com, una piattaforma eccellente ma certamente non ideale per il modello di business richiesto dagli affitti.

 

Basti per esempio pensare alla gestione delle caparre, soggette solitamente a percentuali variabili in funzione del periodo, del numero di persone, della tipologia della casa vacanza, ecc., o alle politiche di cancellazione, particolarmente rigide rispetto a quelle adottate daBooking.com per gli hotel.

 

Al momento, comunque, la OTA (Online Travel Agency) non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito e a noi del blog Turismo Uninform non resta che seguire attentamente l’evolversi della situazione ed aggiornare tutti i lettori non appena emergeranno nuove indicazioni. Fino ad allora, occhi ben aperti su un mercato che appare essere particolarmente promettente e già estremamente competitivo.

 

E tu, cosa ne pensi della possibilità che Booking.com possa diventare anche un intermediario online di case vacanze, appartamento e alternative di soggiorno più economiche rispetto agli hotel tradizionali? Ritieni che l’attuale piattaforma di prenotazione sia in grado di gestire agevolmente anche questa tipologia di offerta turistica o pensi che si renda necessario un adeguamento in grado di contemplare la casistica gestionale aggiuntiva? Quali strategie distributive e promozionali dovrà adottare Booking.comper diventare leader anche in questo mercato?

 

Che tu sia un operatore turistico di lunga esperienza o un fervido appassionato di distribuzione online, hotel, OTA (Online Travel Agency),dinamiche turistiche, Web Marketing, Social Media, motori di ricerca,Travel 2.0 e Turismo in generale, raccontaci la tua testimonianza in presa diretta e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

 

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai immediatamente voce alle tue opinioni segnalandoci di volta in volta ogni tuo consiglio, suggerimento, raccomandazione e best practice di riferimento. Saremo più che lieti di poterne discutere insieme ed approfondire il dibattito sul futuro della distribuzione online, del Turismo digitale e delle OTA (Online Travel Agency).

 

Continua a seguire il blog Turismo Uninform

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa