Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Il Turismo Esperienziale



Il Turismo Esperienziale

E’ iniziata la grande kermesse del Ttg Incontri a Rimini, ma il mondo del turismo non finisce mai di essere oggetto di studi ed analisi dei trend più significativi del travel e noi della redazione del Blog Turismo Uninform, non ci stanchiamo mai di seguire e condividere con gli affezionati lettori i risultati di quelle analisi. Oggi vorremmo proporvi gli scenari evidenziati dal TripBarometer 2014, studio condotto dal big del settore deisiti web specializzati in recensioni, TripAdvisor .

L’analisi condotta intervistando circa 54.000 viaggiatori e 14.000albergatori ha fornito dati veramente interessanti. A parere della redazione del Blog Turismo Uninform, sono due in particolare, gli aspetti che necessitano di una approfondita riflessione da parte degli operatori turisticie soprattutto dei gestori delle strutture ricettive.

Primo dato. La vacanza, non è più considerata come un momento di allontanamento dalla routine quotidiana verso una dimensione di relax e ovattata quiete. Il viaggio diventa occasione di crescita e sperimentazione. Il 71% dei viaggiatori intervistati con l’ausilio di Ipsos, da TripAdvisor, tra il 17 luglio e il 5 agosto, in giro per il mondo, ha dichiarato di viaggiare per allargare i propri orizzonti.

Il 55% del campione ha dichiarato di essere interessato alla possibilità di vivere esperienze uniche, il 44% di viaggiare  per aumentare il proprio bagaglio culturale e il 36% vorrebbe, in occasione di un viaggio o vacanza, avere la possibilità di conoscere la cultura della meta visitata.

I viaggiatori che alla solita formula della tintarella e del tuffo in piscina, preferiscono cimentarsi con esperienze esaltanti,risultano aumentati di circa nove volte, decretando di fatto l’affermazione di  un turismo che può senz’altro essere definito Turismo Esperienziale. Il viaggiatore contemporaneo, stando ai dati raccolti da TripAdvisor, è un untente attivo e dinamico che desidera essere incentivato e coinvolto in esperienze che non vivrebbe nella quotidianità e che gli permettano di allargare i suoi orizzonti culturali ed interpersonali.

Secondo dato. Gli Hotel non sembrano perfettamente allineati con le aspettative dei moderni viaggiatori. Le preoccupazioni dei gestori delle strutture ricettive, intervistati, risultano concentrate su come garantire ai propri ospiti gli standard più elevati di confort all’interno dei loro alberghi. La priorità degli albergatori infatti, resta quella di offrire ai propri clienti il massimo dell’ospitalità. Il 73% degli operatori alberghieri intervistati, ha infatti dichiarato di preoccuparsi di garantire l’ “armonia” dell’ospite tra le mura dell’hotel.

Alla luce di quanto sopra, le conclusioni cui dovrebbero pervenire glioperatori dell’hotelerie sono le seguenti. I gestori degli alberghi, potrebbero concentrarsi meno sull’eccellenza del servizio e di più sul modo di garantire l’unicità del viaggio al turista all’esterno dell’hotel, punto di partenza per la scoperta della destinazione scelta dal viaggiatore.

E considerando anche che lo studio citato ha evidenziato che per il 54% deiviaggiatori, il momento di maggiore entusiasmo coincide con la fase dellapianificazione e prenotazione della vacanza, i gestori degli hotel,potrebbero mettere in campo una serie di iniziative che si rivelerebbero sicuramente vincenti. Potrebbero per esempio, inviare via e-mail informazioni all’utente sulla destinazione, proporre servizi aggiuntivi o gratificarlo, magari con omaggi inaspettati come buoni sconto per attrazioni convenzionate .

Ad oggi solo il 17% degli alberghi, adotta strategie utili a fidelizzare il cliente già dal momento della prenotazione.

Le iniziative in questo senso potrebbero essere davvero molteplici e tali da liberare la fantasia degli albergatori. Noi della redazione del Blog Turismo Uninform, riteniamo interessanti gli spunti dello studio di TripAdvisor e meritevoli di essere adeguatamente sviluppati dagli operatori del comparto dell’hospitality che dovrà saper intercettare la domanda dei “viaggiatori esperienziali” interessati ad un pieno coinvolgimento nella realtà turistica e culturale della destinazione scelta.

Fateci conoscere le vostre opinioni in merito o proponeteci la vostra personale ricetta per esaltare il gusto dell’esperienza di viaggio dei turisti contemporanei.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa