Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Il Turismo e la distribuzione: il ritorno alle agenzie



Il Turismo e la distribuzione: il ritorno alle agenzie

Per chi, come la Redazione del blog Turismo Uninform, lavora attivamente nel comparto turistico, sia esso in qualità di agente di viaggio, Tour Operator,compagnia aerea, OTA (Online Travel Agency), hotel, compagnia di crociere, B&B,albergo diffuso, agriturismo, vettore ferroviario, autonoleggio e così via, sarà certamente a conoscenza della spinosa ed annosa questione che riguarda il ruolo delle agenzie di viaggio tradizionali all’interno della filiera distributiva turistica nazionale ed internazionale.

 

In effetti, è sufficiente volgere lo sguardo nei confronti di player turisticidel passato e del presente, entrambi appartenenti a qualsiasi categoria diprodotto e/o servizio turistico, per comprendere come le agenzie di viaggio tradizionali vengano fin troppo spesso inquadrate all’interno dellestrategie distributive e promozionali degli attori della filiera turistica con funzioni profondamente diverse tra loro a seconda delle convenienze commerciali di un determinato scenario di mercato.

 

In quest’ottica, quindi, negli anni si è assistito indistintamente ad appoggi incondizionati alla distribuzione tradizionale così come a clamorose rinnegazioni delle agenzie di viaggio in nome di non meglio specificatestrategie commerciali incentrate sulla disintermediazione e sulla vendita diretta online e non.

 

Ad ogni buon modo questi primi 10 mesi del 2013 sembrano aver fatto registrare per il Turismo quella che appare fino ad ora la linea di demarcazione senza alcuna ombra di dubbio più netta rispetto alla tradizionale propensione dei grandi player turistici nei confronti delleagenzie di viaggio evidenziando, così, l’inconciliabilità di due veri e propri mercati: la distribuzione tradizionale e la distribuzione “alternativa” agliagenti di viaggio. In altre parole, l’intermediazione turistica, a cui iviaggiatori sono da sempre stati abituati, o la disintermediazione online e non.

 

In Italia, quindi, si assiste sempre di più ad un mercato letteralmente spaccato in due all’interno del quale i grandi attori della filiera turistica, soprattutto i Tour Operator, appaiono fortemente divisi tra i sostenitor delle agenzie di viaggio ed i fautori della disintermediazione.

 

Proprio questi ultimi, però, dopo numerosi tentativi volti ad aggirare, direttamente o indirettamente, l’intermediazione turistica classica tramite la vendita diretta online e non e le cosiddette reti integrate, sembrano ora i più sensibili alla distribuzione tradizionale ed agli agenti di viaggio.

 

Per rendersi conto specificatamente di questa tendenza di mercato, è sufficiente citare, a mero titolo esemplificativo e per nulla esaustivo, sia la pagina presente sui cataloghi del celebre Tour Operator Eden Viaggi, al cui interno vengono illustrati i vantaggi legati alla prenotazione in agenzia, che il lancio dell’iniziativa di Idee per Viaggiare realizzata su Twitter con la quale  si invia il viaggiatore ad entrare nuovamente in agenzia di viaggi.

 

Se gli esempi di questo ritorno ai dettaglianti del Turismo ha riguardato più che altro il comparto dei Tour Operator, non mancano certamente sostenitori nel campo delle compagnie aeree e del traffico ferroviario in particolar modo per quanto riguarda l’Alta Velocità. Si pensi, infatti, da un lato, al segnale di concreta apertura che Ryanair sta tentando di realizzare nei confronti delle agenzie di viaggio e, dall’altro, alla competizione in essere tra Trenitalia e NTV per quanto riguarda l’appoggio delladistribuzione tradizionale.

 

Nel corso degli ultimi 3 anni il mercato turistico, fortemente condizionato anche dall’instabilità politico-finanziaria e dagli effetti della profonda crisieconomica internazionale, ha fatto registrare radicali cambiamenti tanto che formule distributive considerate fino a poco tempo fa come la perfetta convivenza tra intermediazione e disintermediazione, basti pensare al celebre claimprenota online e paga in agenzia”, sembrano oramairetaggi distributivi appartenenti ad epoche lontanissime.

 

Ora, indipendentemente dalle tendenze di cui abbiamo parlato fino a questo momento, il blog Turismo Uninform desidera richiamare l’attenzione dei lettori non tanto sulla necessità di tornare alladistribuzione tradizionale o, viceversa, di puntare sulladisintermediazione. Il comparto turistico nazionale, coerentemente con le mutate necessità dei viaggiatori e in linea con le numerose opportunità di business offerte dalle nuove tecnologie, dovrà necessariamente orientarsi verso strategie distributive e promozionali improntate sempre di più allamulticanalità, la vera chiave per il successo di qualsiasi realtà turistica.

 

E tu, cosa ne pensi della tendenza che vede il comparto turistico ripiegare nuovamente sulle agenzie di viaggio? Quali scenari intravedi sul fronte della disintermediazione turistica? In che modo muteranno le dinamiche della filiera distributiva turistica italiana? Quale ruolo rivestirà lamulticanalità all’interno delle strategie distributive e promozionali dei grandi player turistici?

 

Che tu sia un operatore turistico di lunga e consolidata esperienza o un appassionato di dinamiche turistiche, distribuzione online e non, Tour Operating, tendenze e trend turistici, Travel 2.0 e Turismo in generale, raccontaci pure la tua testimonianza in presa diretta e condividila immediatamente con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

 

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai pure voce e spessore alle tue opinioni segnalandoci di volta in volta tutti i tuoi suggerimenti, i tuoi consigli, le tue raccomandazioni e tutte quelle che ritieni essere le più efficaci best practice di riferimento. Sarà per noi delblog Turismo Uninform un vero piacere poterne discutere insieme ed approfondire il dibattito dedicato al futuro della disintermediazione turistica in Italia.

 

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa