Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Il Turismo e la crisi: Rapporto ISNART Impresa Turismo 2012



Il Turismo e la crisi: Rapporto ISNART Impresa Turismo 2012

Il Rapporto ISNART fotografa lo scenario del Turismo al tempo della crisi

Non c’è dubbio che negli ultimi mesi la profonda crisi finanziaria che ha investito con tutta la sua violenza le economie di tutto il mondo già nel 2011, si sia ulteriormente acuita andando a pesare in particolar modo su una lunga serie di settori produttivi, Turismo incluso.

Eppure, sintetizzando il quadro complessivo emerso dal brillante rapporto Impresa Turismo 2012, Maurizio Maddaloni, Presidente ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) ha dichiarato che “il Turismo ha resistito all’impatto negativo dello tsunami economico che ha colpito i mercati nazionali e internazionali”.

A questo punto, quindi, è evidente che quest’oggi il tema trattato dal blog Turismo Uninform sarà proprio l’analisi dei risultati emersi dalla settima edizione della ricerca promossa dall’ISNART e realizzata in collaborazione con Unioncamere.

Stando ai dati divulgati recentemente dall’Istituto Nazionale di Ricerche Turistiche, il comparto turistico italiano regge piuttosto bene gli urti della vastissima crisi economica tanto che per il 2011 si registra un decremento di appena lo 0,2% sulle camere vendute, ben poca cosa rispetto alle flessioni fatte registrare da altri settori produttivi del Paese.

La soddisfacente performance del comparto turistico nazionale è rintracciabile anche nella media relativa al tasso di occupazione che lo scorso anno si è attestato al 43,8%. Un dato, quest’ultimo, che è stato accolto come un segnale addirittura incoraggiante.

Entrando nel dettaglio dei dati, in particolar modo per quanto riguarda l’andamento dell’occupazione all’interno dei diversi comparti del segmento ricettivo, la ricerca dell’ISNART fa registrare un leggero incremento a favore delle imprese alberghiere, sia in termini di saldo rispetto al 2010 (+1,5%), sia rispetto all’extralberghiero, che chiude invece con una flessione del -2,3%.

Interessante, poi, scoprire le ragioni principali alla base della scelta del nostro Paese come destinazione turistica. Nello specifico, i dati raccolti indicano che le bellezze naturali dell’Italia, così come la possibilità di potersi rilassare completamente ed il desiderio di scoprire mete mai visitate prima, rappresentano il vero driver che spinge il turista straniero nei nostri territori.

Del resto, non è un caso che il comparto turistico nazionale riesca a mantenere inalterata la propria stabilità grazie soprattutto all’incremento dei consumi da parte dei visitatori stranieri, una crescita sostanziale che si è attesta al +9,9% e dovuta essenzialmente agli olandesi, ai francesi ed agli statunitensi. Tra gli stranieri che invece adottano un approccio orientato ad una maggiore austerità, vanno annoverati gli inglesi ed i tedeschi. In assoluta controtendenza, invece, la spesa turistica nazionale che fa registrare un vistoso -14,4%.

A questo proposito Maurizio Maddaloni, Presidente ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) dichiara che “si può dire che il Turismo straniero abbia salvato il settore ma abbiamo bisogno di intercettare nuovi flussi e rinnovare l’offerta”.

Il blog Turismo Uninform non può che allinearsi ai commenti del Presidente ISNART ed auspicare che nei prossimi mesi l’offerta turistica italiana riesca a stimolare in maniera più efficiente anche la domanda interna non solo tramite la leva dei prezzi, ma anche, e soprattutto, attraverso strategie distributive e promozionali in grado di promuovere standard qualitativi sempre più in linea con le aspettative del mercato.

E tu, cosa ne pensi dei risultati emersi dal rapporto Impresa Turismo 2012? Ti ritrovi con la tua realtà turistica all’interno dello scenario tracciato da ISNART? Quali tendenze intravedi per la stagione estiva 2012? E soprattutto, per quando prevedi la vera ripresa del comparto turistico italiano?

Che tu sia un operatore turistico professionista, uno studioso delle dinamiche turistiche nazionali ed internazionali o un fervido appassionato di Turismo in generale, raccontaci la tua testimonianza diretta con il patinato mondo del Turismo e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica un tuo commento sul blog e dai voce alle tue opinioni segnalandoci i tuoi consigli, le tue raccomandazioni, le tue suggestioni ed i tuoi suggerimenti. Saremo lieti di discuterne insieme ed approfondire, così, il dibattito dedicato al futuro del comparto turistico nazionale.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa