Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

In Piemonte due “ Hotel  emissioni ZERO ”: due progetti all’ avanguardia dal punto di vista energetico!



In Piemonte due “ Hotel  emissioni ZERO ”: due progetti all’ avanguardia dal punto di vista energetico!

Oggi sul blog Turismo della Uninform Group vi raccontiamo di due progetti Italiani che cambieranno il modo di concepire le strutture recettivi dal punto di vista energetico, stiamo parlando di due Hotel emissioni zero con parametri che rispetteranno quelli del “Nearly Zero Energy Buldings” definiti dall’Europa.

Siamo a Torino e nella provincia di Cuneo, è qui che sorgeranno le due strutture ricettive a «zero emissioni», o che comunque si avvicinino allo standard. La sfida di questi progetti è di promuovere la trasformazione di hotel e residence in strutture sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale ed energetico che tengano conto di bassi fabbisogni energetici, alte performance con soluzioni tecnologiche e utilizzo di fonti rinnovabili per l’alimentazione.

I due Hotel Emissioni Zero italiani sono il residence: «L’Orologio» nel centro di Torino, e l’Hotel Royal Terme di Valdieri, che si trova in provincia di Cuneo. Sono state selezionate e seguite nel progetto triennale dal team «neZEH» del Siti, l’Istituto superiore sui Sistemi territoriali per l’Innovazione fondato dal Politecnico di Torino e dalla Compagnia di San Paolo.

Nel primo caso, la scelta dei proprietari è quella di puntare sul turismo sostenibile e di promuovere un percorso di qualificazione energetica della struttura a cominciare dall’efficientamento energetico, grazie alla sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade a led e di piastre elettriche con piastre a induzione. Grazie alla diagnosi energetica e al piano di riqualificazione elaborato nell’ambito del progetto, il residence potrà a regime ridurre i consumi del 50% e risparmiare 7mila euro all’anno, con minori emissioni di CO2 calcolate in 18 tonnellate.

L’Hotel di Valdieri, gestito dalla famiglia Bonetto, utilizza l’acqua calda termale per il riscaldamento della struttura, aperta soltanto quattro mesi all’anno. Inoltre è stata installata una piccola centrale idroelettrica che sfrutta l’energia del torrente Gesso per il fabbisogno della struttura.

Il quadro complessivo è offerto dal il progetto “Zero Energy Hotels” ZEH co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma Intelligent Energy Europe, che ha l’obiettivo di accelerare il processo di trasformazione del settore alberghiero secondo i principi del nearly Zero Energy Buildings (nZEB).

L’Unione Europea prevede entro il 2050 riduzioni consistenti delle emissioni di gas serra, tra l’80 e il 95% rispetto ai livelli degli anni Ottanta. Proprio il settore delle costruzioni è responsabile di poco meno delle emissioni dunque ha un alto potenziale di miglioramento sul fronte del risparmio energetico. I casi virtuosi sono pochi. Da qui la volontà di mettere in campo progetti pilota per sviluppare know-how e sviluppare la sensibilità sui temi della sostenibilità.

Sono stati 15.000 gli albergatori informati del progetto e dei percorsi possibili per trasformare le proprie strutture recettive in Hotel emissioni zero, con il team di ricercatori che ha sviluppato un e-tool in grado di fornire agli operatori informazioni sul proprio livello di prestazione energetica e suggerimenti per migliorare le performarce e ottenere risparmi.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa