Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

L’Italia punta sulla Germania. Apre a Berlino il nuovo ufficio dell’Enit



L’Italia punta sulla Germania. Apre a Berlino il nuovo ufficio dell’Enit

È stata inaugurata pochi giorni fa, negli spazi dell’Ambasciata italiana a Berlino, una nuova rappresentanza dell’Enit, Agenzia Nazionale del Turismo. Un importante punto di riferimento per la promozione della destinazione Italia in Germania, attività che vede impegnata anche la Camera di Commercio, in un proficuo accordo di collaborazione.

All’inaugurazione hanno preso parte l’Ambasciatore Pietro Benassi e il direttore esecutivo dell’Agenzia Nazionale del Turismo, Giovanni Bastianelli, che nelle sue parole ha evidenziato l’importanza di questo passo per l’Enit e per il turismo del nostro Paese in generale. «Dopo la chiusura dell’ufficio Enit a Berlino 8 anni fa, siamo più che felici di riaprire una antenna presso l’Ambasciata d’Italia dove sono rappresentate anche la Camera di Commercio e l’Istituto Italiano di Cultura – ha affermato Bastianelli – La direzione per i paesi di lingua tedesca rimarrà a Francoforte ma riteniamo importante avere una rappresentanza nella capitale tedesca. Lo avevamo annunciato alcune settimane fa durante la Fiera ITB, oggi manteniamo la promessa».

Il mercato tedesco rappresenta un fondamentale bacino dal quale si muovono ogni anno elevati flussi di turisti verso l’Italia. Nel 2016 la Germania si è confermata la nostra principale fonte di incoming con cifre di impatto sul nostro turismo. Gli oltre 68 milioni di pernottamenti hanno generato una spesa turistica pari a 5,7 miliardi di euro (16% sul totale), con un incremento del 4,6% sul 2015, che sale al +6,1% se il viaggio viene effettuato per il solo motivo di vacanza.

I dati dimostrano che il nostro Paese risulta seconda meta turistica per i tedeschi (Stiftung für Zukunftsfragen BAT “Tourismusanalyse” 2016) e prima meta enogastronomica (Wtfa World Food Travel Association – “Food Travel Monitor 2016”). Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna sono le regioni più visitate (Istat 2015, presenze turistiche). Basilicata, Umbria, Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige e Sicilia sono quelle maggiormente apprezzate, stando alle recensioni pubblicate online (Travel Appeal 2016).

Le cifre confermano l’importanza di puntare su questa fetta di mercato e, per questo, dopo Berlino, a breve verrà inaugurato un altro ufficio, a Monaco di Baviera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa