Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Facebook acquisisce WhatsApp: nuovi orizzonti per il Turismo online



Facebook acquisisce WhatsApp: nuovi orizzonti per il Turismo online

Soltanto una settimana fa la Redazione del blog Turismo Uninform si era occupata di Social Media condividendo con tutti gli utenti la notizia relativa alla rinnovata veste grafica di Twitter, il celebre Social Network specializzato in micro-blogging, eppure una vera e propria bomba stava per esplodere di lì a poco.

E’ soltanto di due giorni fa, infatti, l’ufficializzazione dell’epocale acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook (in assoluto la piattaforma Social di messaggeria istantanea più famosa al mondo), un’operazione, questa, il cui valore si assesta a 14 miliardi di euro di cui 4 pagati in contanti ed il resto in azioni, oltre all’ingresso di Jan Koum, co-fondatore ed Amministratore Delegato di WhatsApp, nel consiglio di amministrazione del Social Network di Menlo Park in qualità di Executive.

Gli interessi di Facebook per i servizi di “instant messagging” erano già noti da tempo. Basti pensare, infatti, alla tentata acquisizione di Snapchat, servizio analogo e concorrente a quello proposto da WhatsApp, che si tradusse poi in un’offerta da parte di Mark Zuckerbeg di ben 3 miliardi di euro, offerta, però, rispedita spocchiosamente al mittente.

Il colpo messo a segno due giorni fa da Facebook è senza alcuna ombra di dubbio destinato a modificare profondamente gli equilibri del futuro scenario digitale non solo a causa degli impressionanti numeri che è in grado di vantare WhatsApp (450 milioni di utenti attivi ogni mese, 320 al giorno ed un milione di nuovi utenti registrati ogni 24 ore), ma anche, e soprattutto, per i connotati che sta assumendo lo scontro in atto tra Facebook e Google in merito al controllo ed al ruolo di protagonista della prossima fase di crescita digitale.

Del resto, soltanto dall’inizio dell’anno la battaglia tra i due colossi dell’online ha fatto registrare ben 50 miliardi di dollari in operazioni hi tech, valori, questi, che nemmeno ai tempi della cosiddetta bolla del dot com si erano visti. Come se non bastasse, poi, i 19 miliardi di dollari frutto dell’acquisizione di WhatsApp da parte di Facebook, contribuiscono a rendere questi inizi di 2014 i mesi di maggiore fermento tecnologico degli ultimi 15 anni.

Ad ogni buon modo, da quanto è dato sapere WhatsApp non perderà la propria identità tanto che, sulla scia che contraddistinse anche l’acquisizione di Instagram, l’operatività dei suoi servizi avverrà con il proprio Brand. Insomma, come annunciato con un post sul proprio blog ufficiale, WhatsApp ha dichiarato quanto segue: ”ecco quel che cambierà per voi, nostri utenti: nulla”.

Nel commentare l’acquisizione Mark Zuckerberg ha dichiarato che “WhatsApp è sulla strada per connettere un miliardo di persone. Un servizio che raggiunge tale pietra miliare ha un valore incredibile. Conosco Jan da tempo e sono contento di questo accordo con lui e con la sua squadra, servirà a rendere il mondo più aperto e connesso”. Da canto suo Jan Koun dichiara che “la rapida crescita di WhatsApp è spinta dalle semplici, potenti e istantanee capacità di messaggistica istantanea che offriamo. Siamo onorati di poter essere partner di Mark e Facebook mentre continuiamo a portare il nostro prodotto a un numero crescente di persone nel mondo”.

Secondo la Redazione del blog Turismo Uninform, 19 miliardi di dollari probabilmente rappresentano un valore troppo elevato per una acquisizione di questo tipo ma ciò che davvero conta in questa operazione è rappresentato dall’obiettivo che sembra animare le scelte di Mark Zuckerberg: connettere il mondo intero con l’sms 2.0 mandando di fatto in pensione sia i messaggi tradizionali che le email e dando vita ad un nuovo polo tecnologico in grado di rivoluzionare la comunicazione proprio nel momento in cui i linguaggi delle piattaforme sociali sono in continua trasformazione ed evoluzione.

Del resto proprio gli sms, con oltre 20 anni di anticipo, gettavano le fondamenta per l’affermazione dei Social Netowrk di oggi: rapidità comunicazionale, brevità testuale e costi. Ed è tutta qui la rivoluzione che sta per avvenire nel futuro della fase 2 della imminente crescita digitale. Ai posteri l’ardua sentenza ma nel frattempo meditate operatori turistici, meditate.

E tu, cosa ne pensi dell’epocale acquisizione operata da Facebook nei confronti di WhatsApp? In che modo ritieni che questa operazione possa mutare gli equilibri dello scenario digitale mondiale? Quali implicazioni intravedi per la tua realtà turistica? In che modo WhatsApp, se lo farà, integrerà la propria offerta di servizi su Facebook? La pubblicità diventerà uno dei canali di maggiore monetizzazione anche per WhatsApp? Qualistrategie distributive e promozionali intravedi sul fronte dei concorrenti di Facebook e WhatsApp, Google in primis?

Che tu sia un operatore turistico di lunga e consolidata esperienza o un appassionato di Travel 2.0, Marketing Digitale, Social Media,distribuzione online, Web Marketing, tecnologie Mobile, motori di ricerca, tendenze turistiche e Turismo in generale, raccontaci pure la tua testimonianza in presa diretta e condividila immediatamente con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai immediatamente voce alle tue opinioni preoccupandoti, però, di segnalarci tutti i tuoi consigli, i tuoi suggerimenti, le tue raccomandazioni e tutte quelle che ritieni essere le più efficaci best practice di riferimento. Sarà per noi del blog Turismo Uninform un autentico piacere poterne discutere insieme ed approfondire, così, il dibattito dedicato al futuro dei Social Media applicati al comparto turistico.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa