Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Expedia, per gli hotel arriva la visibilità a pagamento



Expedia, per gli hotel arriva la visibilità a pagamento

Se confermato, quanto anticipato su Expedia dal celebre Skift potrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione non solo per il comparto delle OTA (Online Travel Agency), ma anche per quello della distribuzione online in generale.

L’indiscrezione si riferisce ad Accelerator, il programma con cui Expedia potrebbe consentire agli hotel affiliati alla piattaforma della OTA di acquistare visibilità tra i risultati di ricerca ordinari.

Sebbene la dinamica del programma in questione ed i relativi dettagli non siano stati ancora comunicati al grande pubblico, la leva principale su cui Accelerator agisce appare invece essere semplice e di immediata comprensione: pagare una determinata quota per acquisire un posizionamento privilegiato all’interno delle pagine di risultati.  Un modello, questo, molto simile a quello degli attuali metamotori di ricerca.

In realtà, dover versare una determinata somma di denaro per avere diritto ad un posizionamento elevato nei risultati di ricerca di un portale di prenotazioni alberghiere online non rappresenta certamente una novità, ma ciò che dovrebbe distinguere nettamente Accelerator dal resto dei modelli finora utilizzati potrebbe risiedere nel meccanismo di pay per click utilizzato da metasearch come TripAdvisor e Trivago.

La portata della novità targata Expedia, dunque, è davvero molto ampia e potrebbe essere destinata a ridisegnare completamente gli scenari futuri della distribuzione online. Del resto, lo stesso CFO della celebre OTA statunitense – Mark Okestrom – ha azzardato l’ipotesi che Accelerator potrebbe drasticamente mutare la fisionomia e le funzionalità delle attuali pagine di risultati facendole diventare una sorta di marketplace all’interno del quale sarà sufficiente versare una fee per far comparire il proprio hotel in testa a tutti i risultati.

Secondo Skift, Accelerator dovrebbe muovere i suoi primi passi in forma completa entro la fine del 2016 ma il CEO di Expedia Khosrowshahi ha già confermato l’esistenza del programma, sebbene esso sia solo agli inizi e risulti attivo in pochissimi Paesi. Sempre secondo il manager, gli hotel partner che hanno avuto la possibilità di partecipare al programma si sono detti estremamente entusiasti e al contempo soddisfatti dei risultati generati dalla nuova piattaforma.

Del resto, lo stesso Khosrowshahi ha dichiarato che con Accelerator Expedia stia offrendo agli hotel la possibilità di incrementare sensibilmente la qualità dei propri risultati grazie all’utilizzo di strumenti economici crescenti e di un modello di business ancora più competitivo. Così facendo, quindi, la OTA statunitense starebbe lasciando agli hotel la possibilità di utilizzare queste nuove opportunità, seppur contrapponendoli gli uni agli altri e a costi decisamente elevati.

Per chi, come la Redazione del blog turismo Uninform, si occupa di distribuzione online applicata al comparto turistico, conosce fin troppo bene l’importanza strategica della visibilità, soprattutto quando poi si parla di portali di prenotazione online. L’avvento di Accelerator, è inutile negarlo, costituirebbe l’inizio di una nuova competizione fatta non solo di elementi “tradizionali” come il pricing, la destinazione turistica e la disponibilità, ma anche di risorse da investire sul portale di Expedia.

Qualora il lancio di Accelerator di Expedia dovesse davvero concretizzarsi nelle modalità sopra descritte, sarà estremamente interessare come si muoveranno gli hotel e quali fisionomie assumerà la distribuzione online nel suo complesso.

Siamo di fronte ad una nuova rivoluzione del Turismo online, in particolar modo per quanto riguarda il comparto alberghiero, e noi del blog turismo Uninform ce ne occuperemo ancora una volta con la consueta professionalità, attenzione e spirito di servizio.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa