Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Expedia e l’acquisizione di Orbitz



Expedia e l’acquisizione di Orbitz

Quello della distribuzione online, lo sanno fin troppo bene i lettori del nostro blog Turismo Uninform, è un mercato caratterizzato da elevati tassi di dinamismo ed eterogeneità, in particolar modo per quanto riguarda il comparto turistico, e da anni continua a manifestare una tendenza oramai divenuta chiara a tutti, il rafforzamento di posizioni quasi monopolistiche da parte dei colossi del Travel online.

Non a caso, quest’oggi ci occuperemo delle recente acquisizione di Orbitz da parte di Expedia, una circostanza, questa, che non fa altro che confermare quanto appena evidenziato nella premessa di questo articolo.

L’acquisizione di Orbitz, confermata ufficialmente già lo scorso 12 Febbraio e il cui valore è pari a 1,6 miliardi di dollari, avviene a pochissimi giorni di distanza da quella di Travelocity per la quale la stessa Expedia ha sborsato ben 280 milioni di dollari.

E’ evidente, quindi, la valenza strategica di un’operazione di questo livello: da un lato, infatti, Expedia tenta di contenere l’avanzata di Booking.com negli Stati Uniti e, dall’altro, cerca di contrastare ed indebolire il posizionamento di Priceline, a cui il colosso della distribuzione online di hotel appartiene già da tempo.

Dara Khosrowshahi, Amministratore Delegato in forza a Expedia, spiega nel comunicato ufficiale diffuso alla stampa come l’acquisizione di Orbitz non risieda esclusivamente nel valore e nella forza del suo brand, ma anche, e soprattutto, nella possibilità di poter realizzare un’offerta sempre più ampia e completa in grado di soddisfare le esigenze e i bisogni dei viaggiatori di tutto il mondo.

E in effetti, basta dare un’occhiata alle risorse economiche allocate da Expedia e Priceline negli ultimi due anni per comprendere appieno come la partita per la leadership mondiale sia oramai una questione aperta esclusivamente a questi due contendenti. Secondo Skift, infatti, Expedia avrebbe investito oltre 3,2 miliardi di dollari per consolidare il proprio posizionamento all’interno dello scenario distributivo online internazionale, mentre Priceline sarebbe arrivato addirittura a 4,4 miliardi.

Del resto, il mercato del Travel online è sempre stato caratterizzato da una particolare frammentazione, una circostanza, questa, che per noi del blog Turismo Uninform non ha fatto altro che da propulsore e volano alla crescita ed alla diversificazione dell’offerta, ma questa continua rincorsa alle acquisizioni da parte dei grandi player, in particolar modo per quanto riguarda Expedia e Priceline, rischia ora di disegnare uno scenario molto più compatto, sostanzialmente ridotto a un numero limitatissimo di attori,Google compreso, e facendo venir sempre meno quella eterogeneità introdotta dalle start up grazie alla quale il comparto della distribuzione online ha trovato linfa vitale negli ultimi anni.

In questo contesto, dunque, l’auspicio del nostro blog Turismo Uninform è che la deriva quasi monopolistica dell’offerta turistica online non soffochi in alcun modo le nuove iniziative imprenditoriali. Al contrario, la speranza e che la continua diversificazione dei canali distributivi online resti appannaggio dei nuovi player. Solo così, infatti, il traffico generato per i detentori di offerta turistica, come per esempio gli hotel, le compagnie aeree, i B&B, i villaggi turistici, le compagnie di crociere, ecc., potrà essere sempre più qualificato ed in grado di garantire regimi commissionali sostenibili per l’intera filiera.

E tu, da operatore turistico, cosa ne pensi delle acquisizioni portate avanti negli anni da Expedia e Priceline? Quali scenari intravedi per il futuro della distribuzione online? Condividi la tua opinione con tutti i lettori del blog Turismo Uninform e dai vita ad un appassionato dibattito grazie ai tuoi commenti ed ai tuoi suggerimenti.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa