Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Def 2014: importanti novità per il Turismo



Def 2014: importanti novità per il Turismo

Tutte le novità per il comparto turistico contenute nel Def 2014

Il Turismo, è cosa oramai fin troppo nota sia agli addetti ai lavori che a politici e ad appassionati di tematiche turistiche in generale, rappresenta, se opportunamente sfruttato, un’incredibile volano di crescita per il nostro Paese tanto da meritarsi sempre di più un ruolo di maggiore centralità all’interno delle strategie produttive, promozionali e distributive dell’intero sistema Italia.

Un’ulteriore testimonianza – qualora ce ne fosse ancora bisogno – di questa evidente tendenza del comparto turistico a ricoprire una funzione di crescita strategica per la nazione è rappresentata dall’inserimento ufficiale di un intero punto del Def 2014 (Documento di Economia e Finanza) dedicato esclusivamente al Turismo ed alla cultura. Circostanza, questa, che la dice lunga sul ruolo che questo comparto dovrebbe esercitare nelle logiche dell’attuale esecutivo.

Se il Governo dunque inserisce nel Programma nazionale di riforme il Turismo ed assegna ad esso una funzione di crescita su cui lavorare nell’arco della legislatura, è evidente che lo stesso Esecutivo nel Def debba indicare su quale terreno affrontare concretamente la questione e con quali modalità.

Ebbene, nel Documento di Economia e finanza il Governo indica sostanzialmente due aree di intervento: la governance da un lato e, dall’altro, l’accoglimento di parte delle istanze sollevate nel corso degli anni dalle diverse categorie turistiche.

Per quanto riguarda il tema della governance, il Def non solo ribadisce la forte necessità di riforma nei confronti del Titolo V della Costituzione, circostanza, questa, che permetterebbe all’Esecutivo di avocare a sé tutte le attività di promozione e coordinamento delle politiche turistiche, ma anche la creazione di un vero e proprio comitato interministeriale, in assoluto la prima volta che si assisterebbe a qualcosa del genere nel nostro Paese, in grado di sovraintendere alle strategie da adottare per il Turismo.

Il blog Turismo Uninform desidera richiamare l’attenzione dei lettori sul fatto che il Def preveda che a capo del nascente comitato interministeriale ci sia lo stesso Presidente del Consiglio. In questo caso, Palazzo Chigi beneficerebbe del controllo diretto sul Turismo evitando, così, inutili dispersioni di carattere provinciale e regionale a cui, invece, si assiste oggi impotenti.

Per ciò che concerne, invece, le richieste provenienti dal mondo imprenditoriale impegnato sul versante turistico, il Def non si muove solo sul terreno della governance e dell’adozione tempestiva del Piano strategico per il Turismo, ma prevede anche interventi concreti e piuttosto significativi per l’intero comparto.

Non a caso il Documento di Economia e Finanza prevede l’introduzione di specifici strumenti finanziari atti ad incentivare concretamente gli operatori alberghieri nella direzione di un ammodernamento delle proprie strutture ricettive grazie all’utilizzo di rodati meccanismi di credito d’imposta e di ammortamenti a breve scadenza, nello specifico non più di tre anni.

Sempre per quanto riguarda il comparto alberghiero, inoltre, viene riconfermata la necessità di realizzare una normativa nazionale capace di attuare un modello di classificazione unitaria degli hotel e delle strutture ricettive e in grado di individuare, tra le altre cose, standard minimi di eccellenza da applicare a qualsiasi albergo che intenda adottare una classificazione di tre stelle o superiore.

Come è possibile rilevare, dunque, il Def 2014 del Governo riserva al Turismo un capitolo di particolare importanza strategica per lo sviluppo del Paese e per il quale è necessario che tutti gli operatori turistici si muovano uniti e compatti nella direzione delle riforme proposte.

E tu, cosa ne pensi delle manovre per il Turismo indicate dal Documento di Economia e Finanza del Governo? Ritieni che quanto messo in campo possa davvero essere in grado di rilanciare il comparto turistico e fare in modo che esso diventi uno dei reali fattori di crescita del Paese? Quali ulteriori indicazioni ti senti di suggerire affinchè il Turismo diventi davvero il volano della crescita italiana?

Che tu sia un operatore turistico professionista, un albergatore, un rappresentante del mondo del Tour Operating o un fervido appassionato di distribuzione online e tradizionale, di dinamiche e tendenze turistichehotellerie, politiche turistiche e Turismo in generale, raccontaci pure la tua testimonianza in presa diretta e condividila con tutti i lettori del blog Turismo Uninform.

Pubblica subito un tuo commento sul nostro blog dedicato al Turismo e dai immediatamente voce alle tue opinioni preoccupandoti, però, di segnalarci tutti i tuoi suggerimenti, consigli, raccomandazione e best practice di riferimento che ritieni essere più efficaci. Sarà per noi del blog Turismo Uninform un vero piacere poterne parlare diffusamente ed ampliare, così, il dibattito dedicato al futuro del turismo in Italia.

Continua a seguire il blog Turismo Uninform


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa