Uninform Group, l'unica Business School nazionale impegnata da oltre 10 anni nel campo dell’Alta Formazione
"La sfida è saper governare la competitività e l'investimento nella conoscenza ne determina sempre il successo"
(Presidente Uninform Group)

Alcune novità del Travel Online 2015



Alcune novità del Travel Online 2015

Non siamo ancora arrivati al giro di boa, ma la redazione del Blog Turismo Uninform, già la scorsa settimana aveva preannunciato un assaggio delle interessanti novità nel mondo del travel online per il 2015.

L’anno che sta per concludersi si è rivelato un periodo estremamente difficile per tutte le economie europee ed anche il comparto turistico ha indubbiamente risentito della crisi, ma quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. E allora vediamo più nel dettaglio come affronteranno la prossima stagione i big del turismo online.

Amazon, gigante indiscusso delle vendite online si prepara a salire sul ring dei grandi player turistici. Nonostante la timida smentita di Tom Cook, responsabile delle pubbliche relazioni del conosciutissimo portale di schopping online, sembra proprio che nei primi mesi del 2015, prenderà vita il nuovo sito di prenotazione alberghiera, Amazon Travel.

Booking.com e Expedia sono avvisati.

L’operazione partirà inizialmente dagli Usa per poi estendersi a tutto il mondo. La politica commerciale sarà orientata a conquistare fette di mercato, riducendo al 15% le commissioni sulle transazioni. Un costo certamente ancora alto in termini assoluti, ma significativamente più basso di quello incassato dai maggiori competitor del momento.

E l’inarrestabile Zuckerberg non resterà certo alla finestra a guardare.

Facebook infatti ha già avviato in America una interessante sperimentazione per implementare l’interazione degli utenti con le pagine fan, introducendo la nuova funzionalità Call to Action, declinata in sei possibili operazioni . Gli utenti potranno pigiando un nuovo “bottone”, prenotare,contattare, utilizzare l’applicazione o giocare ed anche acquistare, iscriversi e guardare video proposti dalla pagina fan. Presto la novità sbarcherà anche in Europa e se ne potrà valutare l’impatto appena si potrà utilizzare la nuova funzione con le pagine degli hotel e degli alberghi italiani.

Expedia, da parte sua, resiste all’offensiva dei vecchi e nuovi competitor aumentando esponenzialmente il proprio impegno nello sviluppo di tecnologie mobile, prossimo orizzonte del travel online. La visione di Expedia nasce del resto da una empirica osservazione del trend degli utenti che utilizzano il portale. Una significativa flessione di oltre il 30% di utenti che utilizzano il tradizionale PC ed una crescita del 20% degli utenti che utilizzano gli smartphone, nell’ultimo mese, giustificano ampiamente gli investimenti del gruppo che nell’ultimo anno, ha dichiarato di aver investito 650 milioni di dollari in tecnologia e 2,6 miliardi in marketing, per continuare a restare nella top ten dei player turistici.

Altri operatori come Airbnb o anche HomeAway, continueranno a scommettere sulla onda lunga della sharing economy, che secondo tanti osservatori ha avuto il suo boom proprio nel corso del 2014.

 Airbnb, vale oggi 10 miliardi di dollari e dei circa 800 mila alloggi nel mondo, messi in condivisione dal portale, il 10%, risulta localizzato proprio in Italia.

TripAdvisor, ha completato intanto la sua trasformazione da sito di recensioni sugli alberghi  a vero e proprio meta-motore di ricerca di hotel. E per il 2015 focalizzerà il suo impegno sul nuovo programma “Eco Leader”, perché a quanto pare l’eco-friendly, vende e anche bene.

E ciliegina sulla torta che sicuramente solleverà tantissimi operatori dell’ospitality è la notizia che Booking.com cambierà la propria politica sulla parity rate. Incalzato dall’Antitrust, il portale permetterà agli albergatori di Italia, Francia e Svezia di offrire tariffe più vantaggiose sulle altre OTA concorrenti, restando però invariato l’obbligo per la struttura ricettiva di mantenere in parity la tariffa sul proprio sito.

Certo il potenziamento del mobile, l’eco-friendly e la sharing economy non esauriranno i trend del Travel Online 2015 e la redazione del Blog Turismo Uninform manterrà viva l’attenzione verso ogni tendenza del mercato e del mondo del turismo per condividerla con i propri affezionati lettori a cui, oltre il solito invito a pubblicare i propri commenti e opinioni, vanno gli affettuosissimi auguri  di un ottimo inizio di nuovo anno.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.



Utilizziamo i cookie, anche di terze parti e di profilazione, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito ed inviarti messaggi promozionali personalizzati. Navigando accetterai l'uso di tali cookies - Leggi l'informativa